Vaccini, il tempo per presentare le certificazioni sarà prolungato
Vaccini, Burioni protesta delle mamme no vax sui social

Ancora una volta ci troviamo qui a parlare di vaccini. Nelle scorse, infatti, abbiamo avuto modo di parlare delle discutibili dichiarazioni del Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che si è espresso contro l’obbligo introdotto lo scorso settembre e si è spinto fino a pronunciarsi su una loro presunta inutilità.

Ma abbiamo parlato anche della storia di una bambina di soli sei anni che si è spenta per una gravissima forma di meningite, che l’ha stroncata in sole quattro ore: la piccola non era vaccinata ed anche se non c’è nessuna certezza che sarebbe sopravvissuta all’infezione, è scientificamente provato che il vaccino è l’unica possibilità concreta di limitare e debellare questi virus.

Il governo che si è appena insediato si è da subito occupato della questione, anche se i pareri sono spesso discordi tra i vari esponenti e sovente persino all’interno dello stesso partito.

Al momento, ad avere la meglio pare sia la posizione della Lega: è di queste ore, infatti, la notizia che il governo sta lavorando a una proroga dei termini di scadenza per le dichiarazioni che i genitori devono presentare alle scuole che i loro figli frequenteranno il prossimo settembre.

In particolare, è il 10 luglio la scadenza per la presentazione della certificazione definitiva che provi l’avvenuta vaccinazione ai fini dell’iscrizione a scuola per il prossimo anno 2018-19.

La scadenza del 10 luglio è prevista dalla legge e dalla circolare del ministero dello Salute dello scorso 16 agosto.

Quanto alle vaccinazioni, la legge sull’obbligo vaccinale per la frequenza scolastica dispone che dieci vaccinazioni siano obbligatorie per i minori di età compresa tra zero e sedici anni (ovvero 16 anni e 364 giorni), inclusi i minori stranieri non accompagnati per la medesima classe di età, in base alle specifiche indicazioni contenute nel Calendario vaccinale nazionale vigente nel proprio anno di nascita. Le vaccinazioni obbligatorie sono: anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella.

Tali vaccinazioni sono, pertanto, obbligatorie e gratuite e devono essere offerte in maniera attiva e gratuita, secondo le specifiche indicazioni del Calendario vaccinale nazionale.

Eppure, come abbiamo detto, in queste ore il governo sta valutando una proroga: un primo passo verso la revisione dell’obbligo vaccinale per l’iscrizione a scuola che è prevista dal Contratto di Governo.

Nel contratto di governo, Lega e M5s, al capitolo Sanità, non parlano esplicitamente di una revisione del provvedimento. Piuttosto si rimane generici: “Pur con l’obiettivo di tutelare la salute individuale e collettiva”, si legge, “garantendo le necessarie coperture vaccinali, va affrontata la tematica del giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute, tutelando i bambini in età prescolare e scolare che potrebbero essere a rischio di esclusione sociale”.

Al momento sembra che il governo sia disposto a concedere ai genitori fino a fine anno. Insomma, ci potrebbero essere cinque mesi in più per mettersi in regola e a settembre nessun alunno della fascia tra gli zero e i sei anni rischierebbe di essere escluso dalla frequenza a nidi e materne.

Ed il prossimo passo? L’obbligo verrà tolto, e se questo accadrà, non sarà questo un atto che rafforzerà ancora di più il fronte no vax?

Da parte sua la ministra della Salute, Giulia Grillo, pur ribadendo che i vaccini «sono un fondamentale strumento di prevenzione sanitaria primaria», ha spiegato che «in discussione a livello politico sono solo le modalità migliori attraverso le quali proporli alla popolazione» e quindi «tutte le polemiche sono solo strumentali».

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Ieri celebrata la Giornata Mondiale del bambino prematuro

Anche se purtroppo se ne parla troppo poco, portare una gravidanza a…

Sla, positivi i risultati su pazienti trapiantati con staminali

Gli ultimi aggiornamenti sul trattamento della SLA, attraverso la sperimentazione delle cellule…

Tumore al seno, nuovo potente farmaco per il carcinoma metastatico

Il tumore del seno, detto anche carcinoma mammario, è una formazione di tessuto…

Legionella, si moltiplicano i casi di contagio a Bresso

La Malattia del Legionario, più comunemente definita legionellosi, è un’infezione polmonare causata…