WhatsApp, basta essere inseriti nei gruppi senza permesso

Quante volte vi è capitato di essere inseriti in un gruppo WhatsApp, a vostra insaputa, e non trovare il coraggio di lasciarlo per non ferire gli altri partecipanti?

E quante volte, al contrario, eravate in un gruppo ed è stato aggiunto qualcuno che proprio non andava a genio, senza chiedere il vostro parere?

Tante, troppo, ma qualcosa sta per cambiare, perché la piattaforma di messaggistica istantanea più famosa al mondo avrebbe deciso di inserire una novità gradita ai più.
Non c’è ancora nulla di ufficiale ma secondo WABetaInfo, solitamente ben informato sulle questioni inerenti i social, la piattaforma starebbe lavorando a un aggiornamento che permetterà all’utente di decidere chi può aggiungerlo ai gruppi: tutti, nessuno o solo i propri contatti.

In pratica, attraverso degli appositi filtri si potranno decidere quali categorie di persone possono aggiungerlo ad una discussione con più utenti. Per rispondere all’invito si avranno 72 ore dalla ricezione del collegamento.

Un modo anche per fronteggiare la spinosa questione della privacy: il numero di telefono rientra infatti tra i dati personali che “con l’evoluzione delle nuove tecnologie hanno assunto un ruolo significativo” e per questo, secondo i continui moniti del Garante della Privacy, la sua condivisione fuori dal controllo del proprietario non può essere ammessa.

Al momento sembra che questo aggiornamento sarà disponibile nei prossimi aggiornamenti beta di iOS, per poi arrivare anche su Android.

Potrebbero interessarti

Facebook ci ricasca: bug mette nuovamente a rischio la privacy

Ancora una volta siamo qui a parlare di privacy, ed ancora una…

Perizia informatica da professionisti della rete

Stai cercando di affidarti a dei professionisti per l’attività di perizia informatica…