Zucchine, mangiarle amare può provocare la perdita dei capelli
Zucchine mangiarle amare puo provocare la perdita dei capelli

In questo periodo dell’anno siamo praticamente tutti a dieta e tra gli alimenti consigliati co sono senza dubbia frutta e soprattutto verdure.

Tra la verdura spicca proprio in questi mesi la zucchina, dal basso apporto calorico e dal grande potere saziante.

Le zucchine sono composte per circa il 95 per cento d’acqua; per questo sono indicate sia a scopo diuretico sia nelle diete ipocaloriche, poiché presentano pochi zuccheri, pochissimi grassi e poche calorie. Anche l’apporto di proteine vegetali è però estremamente scarso; le fibre sono presenti ma non in grande quantità.

In linea di massima le zucchine sono molto facilmente digeribili, anche se è necessario tenere presente che sulla digeribilità incide il metodo di cottura scelto, poiché assorbono molto i condimenti. Sono comunque consigliate per chi ha problemi digestivi e tendono anche a regolare problemi intestinali.

Tra le vitamine, sono presenti la A e la C e alcune vitamine del gruppo B; tra i minerali spicca il potassio, ma ci sono anche fosforo, calcio, ferro e manganese.

Può essere servita cruda, fritta, grigliata, cotta al vapore, lessata; offre un fiore apprezzatissimo anche ripieno e in pastella; regala forme che variano da quella cilindrica a quella tonda, perfetta per le ricette che prevedono ripieni, e colori che spaziano dal verde smeraldo al bianco al giallo.

Eppure, a quanto pare, dobbiamo fare molto attenzione anche quando mangiamo le zucchine perché potrebbero essere tossiche e avere delle conseguenze abbastanza gravose.

Secondo il dermatologo francese Philippe Assouly, il quale ha redatto a tal proposito un articolo sulla rivista scientifica JAMA Dermatology, potrebbe esserci infatti una «associazione tossica di alopecia con una pianta comune», che comprende zucchine e zucche appartenenti alla famiglia delle cucurbitacee.

L’esperto, nello specifico, avverte le persone dal pericolo di consumare zucche, zucchine e cetrioli dal sapore amaro perché possono contenere potenti tossine, le stesse che hanno avvelenato due donne che hanno poi anche perso la maggior parte dei loro capelli.

Il primo dei due casi esposti dal medico riguarda una donna che, in Francia, subito dopo aver mangiato una zuppa contenente una zucca dal sapore amaro è stata colpita da nausea, vomito e diarrea. I sintomi sono durati per circa un giorno. Poi – si legge nel rapporto – una settimana dopo la donna ha iniziato a perdere i capelli dal cuoio capelluto e i peli dal pube.

Sempre su JAMA Dermatology il dottor Assouly riporta anche un secondo caso di intossicazione alimentare, che però questa volta riguarda una zucchina. Anche questa donna, dopo aver mangiato un piatto contenente zucchini dal sapore amaro è stata colta da nausea e vomito grave. Quando il problema sembrava superato, «Circa tre settimane dopo, la paziente ha sperimentato una notevole perdita di capelli sulla testa e una grave alopecia sulle ascelle e sulla regione pubica».

Nessun mistero però: le cucurbitacee a cui appartengono zucche, zucchine e cetrioli possono infatti provocare un avvelenamento per la presenza di un composto tossico noto come cucurbitacina.

Ciò può avvenire in particolare se le cucurbitacee vengono coltivate in casa, soprattutto quando vengono impollinate da insetti. Il dermatologo in particolare sottolinea che se si sente un sapore amaro bisogna evitare di consumare questi ortaggi in quanto è un segno che indica la contaminazione dell’alimento.

In sostanza quindi non sottovalutare mai il pericolo dato che c’è addirittura chi ci ha rimesso la vita: la letteratura medica riporta un caso simile di avvelenamento in cui un pensionato tedesco di 79 anni di Baden-Württemberg (Germania) è morto dopo due settimane dal ricovero in un ospedale.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Beatrice Lorenzin è diventata mamma. Sono nati i piccoli Francesco e Lavinia

Ieri, domenica 7 giugno 2015, è stato un giorno molto importante per…

Mestruazioni, non cambiano il cervello delle donne

Nell’antichità le credenze legate al ciclo mestruale femminile erano tantissime, poi naturalmente…

Prodotti per la pulizia nocivi come il fumo

Sebbene siano prodotti utili a pulire e disinfettare, i cosiddetti “detergenti” sono…

Miss americana finge un tumore per raccogliere fondi

Nel promuovere raccolte fondi, anche se è brutto dirlo, generalmente si scelgono…