Lemme ecco la dieta con regime alimentare ottimo per dimagrire
Obesita succinato interruttore per accumulo del grasso corporeo

Qual è la giusta dieta per te? Si può dire che ad oggi c’è sicuramente maggior informazione riguardo alle tante tipologie di diete e regime alimentari da seguire per tenersi in forma e dimagrire qualche chilo di troppo, basti pensare che anche negli Stati Uniti, dove l’indice di obesità è molto alto, si parla di una percentuale di adulti americani, che seguono un protocollo dietetico specifico, sia più che raddoppiata, dal 14 al 36%, lo ha confermato la sorprendente indagine annuale sull’alimentazione e la salute rilasciata dall’International Food Information Council Foundation.

Ma passando ai “fatti di casa nostra”, troviamo quello che è considerato da molti il dietologo dei vip, in realtà Alberico Lemme è conosciuto dal grande pubblico, più che per la sua “miracolosa” dieta, per le ospitate nei salotti di Barbara D’Urso, dove da anni porta avanti il suo show, conquistando pubblico ed anche clienti per i suoi centri che fatturano incassi a molte cifre.

Alberico Lemme inoltre è conosciuto come dietologo anche se dietologo non è: lui è un farmacista. E propriamente non dà diete, ma prescrive una filosofia alimentare che è molto apprezzata dalle celebrità nostrane. Oltre a Briatore, a quanto pare seguono i suoi consigli Lorella Cuccarini, Lucio Presta, Paola Perego, Romina Power e Silvio Berlusconi.

Il suo credo è particolare. “La frutta e la verdura fanno ingrassare. D’altronde, ha mai visto un elefante magro?”, sostiene Lemme, 58 anni. D’altro canto, olio e butto fanno dimagrire. Anche l’approccio coi pazienti nella sua Accademia di Desio non è del tutto ortodosso. Si sa che il farmacista dietologo è solito aggredire i pazienti chiamandoli “ciccioni” o “ciccioni bugiardi”.

Il dietologo dei vip ha già pubblicato due libri, almeno per il momento: “L’ uomo che sussurrava ai ciccioni” (2008) e “La rivoluzione dimagrante” (2016). Inoltre sempre sotto lo stemma di Lemme sono stati aperti dei ristoranti franchising dove è possibile mangiare sano per dimagrire.

Nell’anno 2000 ha fondato “Filosofia Alimentare” ovvero, secondo le parole del dr. Lemme (anche dr. Lemme è un marchio registrato…), “un pensiero avanguardista e controcorrente in cui il paradosso regola il meccanismo: bisogna mangiare per dimagrire”.

La dieta Lemme è quindi una filosofia alimentare che si basa sul consumo esclusivo di carboidrati e proteine, bandendo frutta, verdura, dolci e sale. Suddivisa in due fasi, una di dimagrimento e una di mantenimento, la dieta Lemme prevede il consumo dei pasti a orari precisi da rispettare rigorosamente.

Più nello specifico, la prima fase è quella del dimagrimento; si tratta di un periodo che non ha una durata prestabilita dal momento che, in base a quanto riportato sulle fonti ufficiali, dura fino a che non si raggiunge l’obiettivo che ci si è posti; viene fatto presente che si avrà un calo ponderale che varia dai 7 ai 10 kg al mese.

Ogni due giorni vengono impartiti consigli sui cibi che devono essere ingeriti basandosi sulle variazioni di determinati parametri (peso, circonferenze, reazioni metaboliche individuali).

Dieta Lemme regime per perdere 10 kg in 20 giorni

Terminata la prima fase si passa alla seconda, quella dell’educazione alimentare. La durata di questa fase è di tre mesi; durante questo periodo si inseriscono settimanalmente cibi e ricette personalizzate arricchendo il menu settimanale. Scopo fondamentale di questa seconda parte che caratterizza la dieta Lemme è quello di “mantenere l’equilibrio enzimatico raggiunto e creare un giusto equilibrio psicoenergetico”.

Quali cibi prevede la dieta Lemme? Le regole fondamentali di questa filosofia alimentare sono l’eliminazione di zucchero, dolcificanti, aceto, pane, latte e derivati e sale – persino nell’acqua della pasta – e il consumo esclusivo in quantità illimitate di pasta, carne e pesce.

Un corollario base su cui si fonda questo regime alimentare è evitare di abbinare carne e pasta. La giornata tipo di un consumatore della dieta Lemme prevede infatti pasta e carboidrati a colazione e carne o pesce – ricchi di proteine – a pranzo e cena.

I carboidrati vanno assunti sotto forma di pasta soltanto al mattino, poiché in questo modo vengono smaltiti meglio, mentre a pranzo e a cena vanno riservate le proteine di carne e pesce.

Le bevande consentite sono acqua, anche gasata, caffè e thè senza zucchero. Olio d’oliva, meglio se extra vergine, peperoncino, pepe, prezzemolo, aglio, limone, salvia, rosmarino, basilico, timo, cipolla, crusca per impanare sono utilizzabili in quantità libera. Sono permessi tutti i tipi di cottura, anche la frittura.

Un regime, in ogni caso, “estremo” e poco equilibrato, certamente non adatto a tutti.

Per di più, la dieta Lemme non ha nulla di veramente innovativo o geniale perché usa idee già impiegate da altri metodi (diete low carb, cronodieta ecc.). Il carisma, indubbiamente particolare, del personaggio è voluto: presentandosi come un guru alimentare, porta le persone a credergli ciecamente e a seguire le sue indicazioni senza esitazioni.

Il nostro consiglio è sempre quello di affidarsi ad esperti del settore che, con un regime equilibrato e senza escludere alcun macronutriente, riescono a condurre a un dimagrimento più lento ma sicuramento più duraturo.

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

E’ tutto scritto si nasce programmati per essere pigri

Si diventa pigri nel corso degli anni oppure si nasce pigri? L’arcano…

Il test che ti calcola il rischio di morte entro 5 anni

La novità, un tantino macabra ma scientificamente con dei fondamenti scientifici, è…

Basta un piccolo suono sullo smartphone per distrarre la nostra attenzione

La tecnologia e soprattutto gli smartphone fanno ormai parte, in maniera costante…

L’Aids combattuto da un anticorpo: realtà o fantasia?

Forse il virus dell’Aids ha i minuti contati e tutto ciò grazie…