Gianni Amelio porta “La Tenerezza” al cinema

Gianni Amelio porta “La Tenerezza” al cinema

0

In questi giorni primaverili dalle temperature stranamente rigide da nord a sud, quale modo migliore per passare una serata che apprezzare il buon cinema d’autore italiano?

Gianni Amelio torna infatti al cinema trasportando sul grande schermo il romanzo La tentazione di essere felice di Lorenzo Marone.

“La Tenerezza”, un film con Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno e Micaela Ramazzotti, sarà dal 24 aprile al cinema.

“Sentimenti che si incrociano tra il sorriso e la violenza. Un padre e i suoi figli non amati, un fratello e una sorella in conflitto, una giovane coppia che sembra serena. E i bambini che vedono e non possono ribellarsi. La storia di due famiglie in una Napoli inedita, lontana dalle periferie, una città borghese dove il benessere può mutarsi in tragedia, anche se la speranza è a portata di mano”, recita la sinossi della pellicola.

“Non so se è meglio abbinare questa parola a un sentimento o a un gesto, non ci ho mai riflettuto sopra. Il titolo, però, è arrivato nel finale, di fronte alla testardaggine di Elena nel ricostruire un rapporto con il padre. Ultimamente il papa ha parlato della necessita della tenerezza, unica via che ci porta alla felicità. Questo è l’unica difesa di cui abbiamo bisogno contro l’ansia. Oggi siamo prigionieri di un mondo fatto di trappole e inganni, di forze torbide che il film lambisce. Questa storia ci serve per ricordarci la necessità del coraggio di non essere timidi nei gesti di tenerezza, anche se contrasta con il nostro voler essere forti a tutti costi. Nei gesti, nelle mani che si stringono del mio film ho, poi, voluto omaggiare un mio riferimento imprescindibile, Ladri di bicicletta”, spiega Amelio.

Un film che riesce nella non facile impresa di mettere in scena persone che sbagliano perché deboli, non perché cattive, e di farlo senza assolverle ma nemmeno condannarle.

Nessun Commento

Rispondi