Addormentarsi alle 22 fa bene al cuore, lo dice la scienza

Redazione

La scienza ha dimostrato, ancora una volta, quanto sia importante mantenere buone abitudini di sonno per preservare una buona salute.

Ma, oltre alla “regola” delle otto ore di sonno al giorno, altri aspetti del riposo possono interferire con il nostro benessere. Un gruppo di scienziati del Regno Unito ha deciso di indagare quale sarebbe stato il momento più adatto per addormentarsi.

In un articolo pubblicato nella European Heart Journal – Digital Health, della Società Europea di Cardiologia, gli scienziati hanno concluso che l’abitudine di andare a letto alle 22:00 / 23:00 è connessa ad un minor rischio di sviluppare malattie cardiache, rispetto a chi ha l’abitudine di andare a letto prima o dopo.

Il corpo ha un orologio interno di 24 ore, chiamato ritmo circadiano , che aiuta a regolare il funzionamento fisico e mentale“, spiega in una dichiarazione David Plans, autore dello studio e ricercatore presso l’Università di Exeter.

Anche se non possiamo concludere la relazione causale nel nostro studio, i risultati suggeriscono che l’ora per andare a letto presto o tardi può avere maggiori probabilità di interrompere l’orologio biologico, con conseguenze negative per la salute cardiovascolare“.

Mentre molti studi hanno esaminato la relazione tra la durata del sonno e lo sviluppo di malattie cardiache, i ricercatori britannici hanno deciso di ricercare l’associazione di questi problemi di salute con l’ora di andare a letto.

Per questo, 88.026 persone sono state reclutate tra il 2006 e il 2010 attraverso la UK Biobank, un database medico utilizzato per studi su larga scala nel Regno Unito.

I pazienti analizzati avevano un’età compresa tra 43 e 79 anni, con una media di 61 anni, e il 58% erano donne. Per sapere esattamente a che ora sarebbero andati a dormire e quando si sarebbero svegliati, è stato attaccato un accelerometro al polso di ognuno, raccogliendo i dati per sette giorni.

Addormentarsi alle 22 fa bene al cuore lo dice la scienza

Inoltre, i partecipanti hanno completato questionari su aspetti fisici, demografici, di salute e di stile di vita. Sono stati quindi valutati per la diagnosi di malattie cardiovascolari, definite come infarto, insufficienza cardiaca, cardiopatia ischemica cronica, ictus e attacco ischemico transitorio.

I partecipanti alla ricerca sono stati seguiti in media da cinque a sette anni. Durante questo periodo, 3.172 di loro (3,6%) hanno sviluppato malattie cardiovascolari.

L’incidenza era più bassa tra coloro che andavano a letto dalle 22:00 alle 22:59. In confronto, coloro che sono andati a letto prima delle 22:00 hanno avuto un’incidenza maggiore del 24% di malattie cardiache; e tra coloro che hanno dormito tra le 23:00 e le 23:59, il tasso è stato del 12% superiore.

Coloro che hanno iniziato a riposare solo di notte a mezzanotte o più tardi hanno mostrato un rischio maggiore del 25%.

Ulteriori analisi hanno anche evidenziato che questa associazione tra l’ora di andare a letto e il rischio di malattie cardiovascolari è più forte nelle donne.

La spiegazione di ciò, tuttavia, non è ancora nota, secondo gli scienziati. Negli uomini, solo l’abitudine di dormire prima delle 22:00 presentava un rischio significativo.

Potrebbe esserci una differenza di genere nel modo in cui il sistema endocrino risponde a un’interruzione del ritmo circadiano“, suggerisce Plans.

Inoltre, l’età avanzata dei partecipanti allo studio può essere un fattore di confusione, poiché il rischio cardiovascolare delle donne aumenta dopo la menopausa , il che significa che potrebbe non esserci una differenza nella forza dell’associazione tra donne e uomini“.

Next Post

La maggior parte degli anti-vaxxer sono donne

La comunità di Facebook anti-waxxer è in gran parte guidata da donne, secondo un nuovo studio. La “grande maggioranza” delle persone che commentano, condividono e apprezzano le informazioni anti-vaccinazione su Facebook sono donne, secondo un nuovo studio. I ricercatori hanno scavato nel mondo delle persone “anti-vaccinazione”, esaminando i dati di […]
La maggior parte degli anti-vaxxer sono donne