Al Bano, dopo l’ischemia sente e combatte Satana

Per fortuna, dopo la grande paura dello scorso novembre, anche stavolta Al Bano si è ripreso in fretta dall’ischemia che lo ha colpito la scorsa settimana, mentre tornava da un concerto, ed ha potuto già far ritorno a casa, nella sua tenuta di Cellino San Marco, circondato dall’amore della sua famiglia e dei suoi figli.

Costretto a un riposo forzato dai medici che gli hanno imposto di non riprendere subito i ritmi serrati della sua consueta vita da cantante amatissimo in mezzo mondo, Al Bano Carrisi ha trovato il tempo per rilasciare un’intervista al settimanale ‘Oggi’ e ha parlato di quello che ha attraversato in questi ultimi giorni.

“Il mio corpo mi ha presentato il conto, tutto insieme. Ora sto bene, in veloce recupero. Non avevo mai avuto segnali che qualcosa non andasse, quella che mi ha colpito in questi mesi è stata una tempesta perfetta, violenta e inaspettata. A dicembre, uscendo dalla sala operatoria scherzavo con tutti, perché io il dolore tendo a deriderlo, sminuirlo, per me e per sollevare gli altri. E poi il peggio che puoi fare davanti a queste cose è avere paura. Se hai paura, non coltivi il coraggio, aggiungi pena a pena”, ha spiegato.

Il cantante ha poi ha svelato che nelle ore più buie della sua vita gli è capitato di sentire accanto a lui la presenza del maligno, Satana. L’artista ha detto che ogni volta, per difendersi, iniziava a farsi il segno della croce e pregava finché il male non si allontanava. Carrisi ha ribadito che questa cosa gli capita spesso e lui ogni volta effettua sempre le stesse indicazioni.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ambra Angiolini, è tempo di un nuovo amore

Per il bene dei figli e per l’affetto sincero che si sono…

Carla Bruni e l’omaggio canoro all’Italia

Prima il lavoro e poi l’amore l’hanno portata lontana dal suo paese,…