Alla ricerca di Dory, Marlin ha la voce di Luca Zingaretti

Eleonora Gitto

Alla ricerca di Dory (Finding Dory) è il film di animazione di Andrew Stanton e Angus MacLane che vedremo al cinema dal 14 settembre prossimo.

Il film è assolutamente da vedere. Si tratta del sequel di “Alla ricerca di Nemo”, film del 2003.

Prodotto dalla Pixar Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures, vanta nel cast italiano due voci d’eccezione: Luca Zingaretti farà parlare Marlin mentre la voce della protagonista Dory sarà di Carla Signoris.

In questo episodio troviamo Dory alle prese con dei ricordi frammentari della sua vita. Nella sua mente comincia ad affiorare il ricordo dei suoi genitori.

Così dopo aver Mr. Ray parlare di migrazione e dell’istinto innato degli animali marini che li porta sempre a tornare alle loro origini, Dory decide di andare alla ricerca dei suoi.

Marlin decide di accompagnarla, ma l’impresa è ardua considerato che l’unica cosa che ricorda la giovane Dory è che i genitori vivono a “Jewel di Morro Bay, California”.

Con l’aiuto di Scorza, Dory, Marlin e l’immancabile Nemo affrontano la corrente oceanica fino in California.

Dory si imbatte in naufragio, poi tutti e tre si ritrovano alle prese con un calamaro gigante che quasi uccide Nemo. Marlin si arrabbia con Dory per aver messo in pericolo Nemo.

Lei ferita e mortificata sale in superficie dove sarà “pescata” da volontari del Marine Life Institute che la mandano in quarantena. E qui c’è un altro pericolo da scampare: il polpo rosso Hank.

Riuscirà alla fine Dory a ritrovare i suoi genitori? Lo scopriremo al cinema a settembre.

Per ora basti sapere che le avventure del tre simpatici pesci non sono finite, ce ne saranno tante da tenere con il fiato sospeso tutti, piccoli e grandi.

Next Post

Pokemon Go, non va: sul web impazza #pokemondown

“Pokemon Go”, il videogioco della Niantic per smartphone sia iOs che Android, è arrivato in Italia venerdì 15 luglio ed è già “down”. I Pokemon del noto cartone animato trasformato in gioco per consolle dalla Nintendo, oggi hanno subito un’altra mutazione: sono diventati un game di realtà aumentata, un’applicazione per smartphone […]
Pokemon Go, non va: sul web impazza #pokemondown