Allergia e Covid-19, come distinguere i sintomi

Redazione

Nonostante l’ondata di freddo e di cattivo tempo che sta investendo la nostra penisola, la primavera è già iniziata e con essa inizia a diffondersi il polline delle piante che fioriscono in questo periodo. 

Allergia e Covid-19 come distinguere i sintomi

I soggetti allergici quindi si preparano a starnutire, ad avere prurito agli occhi e gola irritataLe allergie respiratorie stagionali possono causare altri sintomi che a volte vengono confusi con Covid-19. Che si tratti del coronavirus o del polline per chi soffre di allergie, questi due intrusi entrano nel corpo attraverso le vie respiratorie.

La reazione dell’immunità è normale contro il coronavirus, un patogeno virulento, ma quella provocata dal polline, innocuo, è il risultato di una perdita di tolleranza dell’immunità nei confronti di quest’ultimo.

Il Centers of Disease Control and Prevention fornisce un aggiornamento sui sintomi specifici delle allergie, quelli specifici del Covid-19 e quelli che possono comparire in entrambi i casi. Ovviamente, queste informazioni non sostituiscono la diagnosi di un medico, soprattutto in caso di sospetto di Covid-19.

Gli occhi che colano e pruriginosi, combinati con starnuti, sono unici per le allergie respiratorie e non sono tra i sintomi documentati di Covid-19.

Al contrario, tosse, mancanza di respiro o difficoltà a respirare, affaticamento, mal di testa, gola secca e naso che cola possono essere anche sintomi di coronavirus e allergie. Anosmia ed ageusia , dolore muscolare, febbre , nausea e vomito e diarrea sono stati osservati per Covid-19, ma non per allergie respiratorie.

Questo elenco non diagnostica nessuna delle due malattie, ma mira piuttosto a fare in modo che le persone con allergie respiratorie stiano attenti a eventuali sintomi insoliti che potrebbero manifestarsi durante l’altezza della stagione delle allergie.

Next Post

E' possibile cancellare i ricordi traumatici?

I neurologi del Texas A&M perseguono un obiettivo di salute mentale per tutta la vita: indebolire o addirittura cancellare i ricordi associati alla paura, che possono alimentare il disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Il loro lavoro, pubblicato sulla rivista Nature Neuroscience, individua infatti “una finestra”, ovvero un insieme di proteine […]
possibile cancellare i ricordi traumatici