Volkswagen: fuori Winterkorn, dentro Mueller
Volkswagen fuori Winterkorn, dentro Mueller

Sarà Matthias Mueller a prendere il posto dell’ex CEO Martin Winterkorn nel gruppo tedesco Volkswagen.

Non perdono tempo alla Volkswagen. Il 23 settembre le dimissioni del CEO Martin Winterkorn, atto dovuto dopo lo scandalo che ha travolto la casa tedesca.

Per il 25 settembre è stata convocata la riunione del Consiglio di Sorveglianza, ma già oggi, 24 settembre, si sa che il nuovo amministratore delegato del gruppo automobilistico sarà Matthias Mueller, numero uno della Porsche.

Secondo la fonte che ha comunicato la notizia, Mueller ha già la maggioranza dei voti in Consiglio.

Ex head product strategist di Volkswagen, il sessantaduenne Matthias Mueller ha un curriculum di tutto rispetto. Ha lavorato con case automobilistiche molto prestigiose come Audi e Lamborghini. Dal 2010 è il numero uno dell’azienda Porche.

Intanto lo scandalo delle emissioni truccate, continua a seppellire la Volkswagen. Impietosa l’agenzia di rating Moody’s che porta da “stabile” a “negativo” l’outlook sul rating della casa tedesca.

Non è da meno la responsabile Ue per l’industria Elzbieta Bienkowska che parla a nome della Commissione Europea: “Il nostro messaggio è chiaro – ha detto – tolleranza zero sulle frodi e rispetto rigoroso delle regole Ue”.

Poi l’affondo: “è necessario che ci sia piena chiarezza e test efficienti sulle emissioni inquinanti”.

La Commissione chiede alle autorità nazionali di “indagare sulle implicazioni” dell’indagine Usa “sulle auto in vendita in Europa” e di “garantire che gli standard di emissioni inquinanti siano pienamente rispettati”.

Alla fine l’invito a tutti gli Stati “a portare avanti le necessarie indagini a livello nazionale e di riferire a Bruxelles”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Quanto costa e come funziona l’assicurazione sulla casa

In Italia si diffondono sempre più le assicurazioni sulla casa, con un’esigenza…

Buoni pasto, sai come si utilizzano?

Attribuiti generalmente ai dipendenti pubblici, in realtà anche molti impiegati di aziende…