Amore: La spiegazione scientifica a tutti gli effetti

Redazione

L’amore è stato studiato dai neuroscienziati, nel senso letterale della parola, hanno analizzato questo sentimento nelle sue cellule. Si è scoperto che ci sono diversi tipi di amore. Ognuno di loro è un cocktail di determinati ormoni. Indipendentemente dal fatto che esista o meno una risposta esatta alla domanda: “Che cos’è l’amore?” come riportato dalla rivista Science Focus .

Amore La spiegazione scientifica a tutti gli effetti
foto@Flickr

Tutti i nostri sentimenti ed emozioni iniziano nel cervello, l’amore non fa eccezione. Anche se si parla molto spesso di farfalle nel cuore. i neuroscienziati non si fanno certo ingannare da certe descrizioni. La dottoressa Sandra Langeslag lavora presso l’Università del Missouri, spiega le fasi dell’amore.

Si parte dalla Lussuria che è motivata dai genitali estrogeni e testosterone. Dopo la lussuria arriva l’attrazione, la seconda fase dell’amore. Essendo in uno stato di attrazione, il corpo produce dopamine, norepinefrina. Maggiore è il livello di questi ormoni, minore è la quantità di serotonina.

L’attaccamento è il terzo stadio dell’amore. Rimanendo in questo stato, le persone innamorate si sentono a proprio agio l’una accanto all’altra e gli scienziati considerano l’attaccamento la forma più comune di amore. Può verificarsi in diversi modi.

Se provi lussuria per il tuo partner e ti senti a tuo agio con la tua metà molto probabilmente c’è un vero amore tra di voi. È abbastanza difficile disegnare linee sottili e stabilire con precisione il tipo di amore.

Per vedere cosa succede nel cervello di una persona innamorata, è stata utilizzata la neuroscansione. È chiaro dai risultati che diversi tipi di amore coinvolgono diverse parti del cervello. In ciascuna delle forme d’amore, una persona pensa, parla, compie azioni ed è meraviglioso da osservare.

Anche gli animali possono provare questa sensazione. In una relazione monogama, l’attaccamento si forma in una coppia. E se un partner muore, l’altro rimane per sempre un solitario.

Next Post

Quanto vale la mia casa? Come proporla al meglio ai potenziali clienti con una buona quotazione

La decisione di cambiare casa porta a dover seguire alcuni passi obbligati, il primo è proprio quello di offrire al pubblico l’abitazione in cui ora si vive. Può anche capitare di lasciare prima la vecchia casa, per entrare in quella nuova, dovendola quindi presentare al pubblico completamente vuota e disadorna. […]
Quanto vale la mia casa Come proporla al meglio ai potenziali clienti