Genoma Z: può essere presente in pericolosi virus

Redazione

Fortunatamente, il genoma z, scoperto dagli scienziati, non è presente in tutti i virus. Questa scoperta indica che i virus usano qualcosa di simile a un alfabeto genetico unico. Tali “alfabeti” non sono stati trovati da nessun’altra parte sul pianeta Terra. Come ha segnalato il sito WordsSideKick.com.

Genoma Z puo essere presente in pericolosi virus

I ricercatori hanno spiegato qual è esattamente l’unicità del genoma. L’intero piano di vita della “Terra” è scritto utilizzando un alfabeto genetico di quattro lettere. Ma c’è un’eccezione, come alcuni virus. Il loro alfabeto genetico è composto da altre lettere (molecole di DNA). Questa caratteristica dà loro la capacità di sopravvivere in qualsiasi condizione.

Se il genoma abituale è costituito dalle seguenti lettere: G (guanina), C (citosina), T (timina), A (adenina), i cianobatteri hanno sostituito A con Z (2-amminoadenina). Tutto nel mondo è composto da questo alfabeto, solo i programmi nei codici sono diversi.

Pertanto, i cinofagi sono stati di interesse per gli scienziati dal 1977, è stato allora che questa differenza è stata notata per la prima volta. Perché il loro alfabeto genetico non assomiglia ad ATG, aZTGC. In che modo questa eccellenza influisce sul loro ciclo di vita?

Il nucleotide Z rende il virus più resistente alle alte temperature. Inoltre, lega meglio i filamenti di DNA e può resistere a determinati tipi di proteine. Ora scienziati francesi e cinesi stanno cercando di capire come il genoma entra nel DNA dei virus.

Si scopre che due tipi di proteine ​​sono coinvolti nella creazione del genoma Z: PurZ, PurB. Quando un cianofago introduce il suo DNA nei batteri, inizia la trasformazione e le proteine ​​si legano per formare un nucleotide Z.

L’obiettivo degli scienziati è imparare a utilizzare questo genoma per curare le persone contro le infezioni batteriche. Pertanto, la ricerca sta continuando attivamente.

Next Post

Amore: La spiegazione scientifica a tutti gli effetti

L’amore è stato studiato dai neuroscienziati, nel senso letterale della parola, hanno analizzato questo sentimento nelle sue cellule. Si è scoperto che ci sono diversi tipi di amore. Ognuno di loro è un cocktail di determinati ormoni. Indipendentemente dal fatto che esista o meno una risposta esatta alla domanda: “Che cos’è l’amore?” come […]
Amore La spiegazione scientifica a tutti gli effetti