Animali: esiste il paradiso per loro?

Una domanda molto popolare che si pongono tante persone affezionate al proprio cane o gatto è: “Il mio animale domestico andrà in paradiso?” Le persone possono trovare conforto nella convinzione che i loro compagni non siano dimenticati?

Gli animali generano forti risposte emotive. Quelle persone che professano un’unione spirituale ed emotiva con i loro animali domestici ne testimoniano la validità, mostrata attraverso il criterio dell’esperienza di fede individuale.

Gli umani tendono a relazionarsi direttamente con i loro animali da compagnia come membri della famiglia, e ci sono spiegazioni teologiche per questo.

Secondo la Bibbia, gli esseri umani e gli animali condividono l’alleanza stabilita da Dio in Genesi 9: 8-17. Era un accordo destinato a essere eterno e, poiché Dio lo ha iniziato, era, quindi, sacro. Se Dio onora i suoi accordi come ci è stato insegnato e la sua alleanza è permanente.

Tradizione degli animali e della chiesa

Anche la tradizione della Chiesa parla di questo problema. Francesco d’Assisi è una figura storica nella chiesa che ha avuto un rapporto speciale con gli animali.

Trascorse così tanto tempo con loro che è probabile che meditasse se li avrebbe rivisti nella vita ultraterrena. Per quanto riguarda la chiesa contemporanea, le prove di animali tenuti in grande considerazione possono essere confermate: i cristiani di molte comunità celebrano la benedizione degli animali in vari periodi dell’anno, specialmente in primavera.

Di solito non vi è alcuna promessa di nuova vita inerente, ma la loro popolarità attesta il fatto che le persone associano i loro animali a un aspetto chiave della loro fede e credenza.

L’esperienza animale umano / compagno

Ciò che gli umani sperimentano quotidianamente con i loro animali da compagnia indica anche che avviene qualcosa a livello di sacro. Dopotutto, almeno in America, le persone tendono a venerare i propri animali domestici.

Molti hanno descritto questo sentimento come “amore incondizionato” o “totale accettazione di ciò che sono”. Questa esperienza personale di fede non può essere negata.

Quei credenti che sono assistiti da un cane guida o da supporto, probabilmente si aspetterebbero, ancor più degli altri, di ricongiungersi con il loro animale da compagnia nella prossima vita.

Ragione, fede e gli animali

A questo punto alcuni potrebbero naturalmente obiettare: “Tutto questo sembra irragionevole. Dopotutto, gli animali non sono battezzati, quindi perché dovrebbero andare in paradiso?

Altri semplicemente si aspettano che i loro animali domestici vadano in paradiso senza considerare un’alternativa.

Stephen H. Webb, Ph.D., riflettendo sugli scritti di CSLewis, disse: “Gli animali domestici domano il loro senso di sé attraverso i loro padroni, e quindi quando pensiamo alla resurrezione umana, si dovrebbe includere in quel pensiero la resurrezione di quelli che dipendono dagli umani e che completano la vita degli umani”.

Pensare teologicamente agli animali domestici

Gli argomenti possono essere affrontati usando la Scrittura, la tradizione, l’esperienza e la ragione. Le risposte certe possono essere fornite con le migliori intenzioni, ma la verità è che “non lo sapremo finché non sarà“.

Ma come cristiani possiamo confortarci nell’idea che i nostri animali domestici, come noi, fanno parte dell’ordine creato e come cristiani sottoscriviamo il concetto di vita eterna. Se si scopre che l’eternità è il compimento della creazione, perché gli animali non dovrebbero condividerla?

Loading...
Potrebbero interessarti

Area 51, ci sarebbe una città intera nel sottosuolo

Una città sotterranea si trova sotto l’Area 51 che potrebbe cambiare efettivamente…

Wolf-dog, un bellissimo ibrido illegale in Italia

Se siete degli amanti dei lupi sapete bene che non sono affatto…