Aosta, infermiera uccide i figli e poi si suicida

Nella maggior parte dei casi si parla di tragedie annunciate, ma stavolta niente lasciava presagire il peggio: ad Aosta un’infermiera ha tolto la vita ai suoi figlioletti e poi si è uccisa, senza alcuna spiegazione plausibile se non un male di vivere che ormai l’aveva irrimediabilmente attanagliata.

Ad ascoltare i suoi vicini, Marisa Charrère assieme al marito e ai figli di 7 e 9 anni erano una famiglia tranquilla e senza troppi problemi: nessun acredine tra i due coniugi, ma la donna covava un malessere che l’ha condotta al terribile gesto, usando delle iniezioni di potassio che aveva preso nell’ospedale dove lavorava.

Prima di uccidere i suoi due figli Nissen e Vivien di 7 e 9 anni e di togliersi la vita, Marisa Charrère ha scritto due lettere nelle quali si doleva del peso insopportabile delle avversità della vita.

A trovare i corpi il marito Osvaldo Empereur, agente del corpo forestale della Valle d’Aosta, che ora è stato ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Aosta a causa di una crisi di nervi dopo la tragedia.

Potrebbero interessarti

Locri, sequestrate due scuole: immobili “totalmente abusivi”

Locri, immobili “totalmente abusivi” che ospitavano due scuole sono stati sequestrati. Locri…

Incastrate nell’auto: i carabinieri le salvano

Tre ragazze sono rimaste incastrate nell’auto ma per fortuna la storia è…

Roma, manifestazione e sit-in per Giulio Regeni

A Roma c’è stata una grande manifestazione con sit-in per Giulio Regeni. Martedì…

Modena, truffa a luci rosse sventata da un passante

Truffa a luci rosse sventata da un passante casuale a Modena. La…