Apple e Samsung collaborano per lanciare le e-Sim elettroniche

I maggiori colossi tecnologici sono instancabili nel cercare l’innovazione, per offrire all’utenza sempre più esigente dei servizi sempre più all’avanguardia, capaci di semplificare la vita e soprattutto l’utilizzo dei dispositivi che immettono sul mercato.

Secondo quanto riportato dal Financial Times, Apple e Samsung starebbero  stavolta ‘in trattative avanzate’ con la Gsma, associazione mondiale in rappresentanza dell’industria della telefonia mobile, per superare le vecchie Sim card.

Questi operatori vorrebbero proporre delle sim elettroniche: queste chede e-SIM saranno standardizzate dai due produttori di smartphone e incorporate nei loro dispositivi, creando una “architettura comune”.

Gli operatori di telefonia mobile che sarebbero già coinvolti in questa nuova iniziativa e-SIM sono AT & T, Deutsche Telekom, Etisalat, Hutchison Whampoa, Orange, Telefónica e Vodafone.

Apple ha voluto sottolineare che il progetto legato alle e-sim non andrà a sostituire la neonata Apple Sim, scheda telefonica incentrata sui sevizi di Cupertino e già integrata in alcuni particolari dispositivi iPad, seppur con scarso successo rispetto alle aspettative, dal momento che la scheda della Mela occupa attualmente una fascia di mercato piuttosto esigua.

Anche se la partnership sarà presto annunciata, ci vorrà almeno un anno prima che i dispositivi con schede e-SIM raggiungano il mercato: certamente non prima del 2016 quindi.

Potrebbero interessarti

Google ha presentato ufficialmente il suo sistema operativo Oreo

Chi si aspettava un mega evento, un lancio in grande stile, sarà…

Samsung Galaxy S8, pre-ordini che vanno alle stelle

AGGIORNAMENTI: Ogni anno aziende come Samsung e Apple rilasciano un nuovo modello di…

Steve Jobs vietava l’uso di iPhone e iPad ai suoi figli, ecco perché

Steve Jobs, l’uomo che ha segnato l’epoca attuale, cambiando completamente il mondo…

Civiltà aliene all’interno dei buchi neri, la nuova ricerca

Le civiltà aliene si nascondono nei buchi neri? Gli scienziati provano a…