Apple, le novità sui prodotti in uscita

Redazione

“Abbiamo cambiato tutto, per realizzare gli smartphone più avanzati di sempre”, ha dichiarato Tim Cook durante la presentazione dei due nuovi modelli di iPhone, il 6s e il 6s Plus. A prima vista, l’aspetto e il peso sono gli stessi, ma è cambiato anche il materiale con cui i nuovi iPhone sono stati costruiti, un alluminio diverso, “quello usato dall’industria aerospaziale”, ha specificato Phil Schiller al Bill Graham Auditorium di San Francisco. Il vetro è più solido e in grado di resistere meglio agli urti e ai graffi. E il Rose Gold, un colore in più, molto elegante.

Ma la grande novità è il sistema di input, con il nuovo 3D Touch, un’evoluzione del sistema Force Touch già presente sull’Apple Watch. Se il sistema touch era in grado di riconoscere un solo gesto in un ambiente bidimensionale, il sistema 3D touch è in grado di rilevare i gesti ma anche la pressione sullo schermo, elaborando i due input e permettendo agli oggetti sullo schermo di muoversi tridimensionalmente, un sistema perfettamente integrato nel nuovo sistema operativo, l’iOS9.

Tra le novità messe in campo da Apple nel keynote di ieri a San Francisco, troviamo anche un iPad grande come un pc con tastiera e pennino, una cosa Steve Jobs non avrebbe mai fatto, lui odiava i pennini: “Who wants a stylus?” (Chi lo vuole un pennino?), diceva lo stesso Jobs nel 2007. Ma ieri Tim Cook, ha lanciato un iPad più grande con un pennino capacitivo e una tastiera esterna, simile a un Surface Pro di Microsoft, scatenando ironia e parodie sul web.

L’assistente vocale che ci guida sull’iPhone, Siri, da ora governa la nuova scatoletta decoder di Cupertino, l’Apple tv. Ora potremo cercare un film o uno show tv o vedere le previsioni del tempo nel salotto di casa chiedendolo direttamente alla famosa assistente virtuale.

Next Post

Sudafrica, scoperta nuova specie di ominide

Homo Naledi, ovvero “uomo delle stelle”, questo il nome per la nuova specie di ominide scoperta nelle caverne del Sudafrica denominate Rising Star, che tradotto significa “stella che sorge”. Un tassello fondamentale alla ricerca mondiale sui nostri antenati. “Finora tutti i ritrovamenti si basavano su reperti frammentari, quindi non eravamo […]