Apple VS Fbi, la guerra della privacy

Di nuovo l’azienda Apple in un’aula di tribunale: al centro di tutto la protezione dei suoi device. Il caso è nato dalla richiesta delle autorità di Brooklyn che hanno chiesto al tribunale di intimare all’azienda di Cupertino di creare un software di sblocco per il suo nuovo sistema operativo, al fine di accedere all’iPhone del killer di San Bernardino il quale, assieme alla moglie, ha ucciso 14 persone lo scorso 2 dicembre.

Lo sblocco degli iPhone non sarebbe utile solo al caso di San Bernardino, difatti dopo il rinvio della prima udienza a carico del killer richiesto dall’FBI, stanno emergendo i primi dati sulle procedure messe in atto dai federali per sbloccare anche l’iPhone del terrorista Syed Farook, senza l’aiuto di Apple.

Secondo il sito The Informer, che cita persone a conoscenza dei fatti “Apple ha a lungo sospettato che i server ordinati ai fornitori tradizionali fossero intercettati lungo la spedizione e manipolati con l’aggiunta di componenti elettronici (chip e firmware) da parte di sconosciuti per renderli vulnerabili a infiltrazioni”. Tutto questo a causa del famoso scandalo Datagate del 2013, quando si scoprì che l’Nsa, l’agenzia di sicurezza americana, intercettava le spedizioni dei vari dispositivi elettronici delle persone tenute sotto controllo, e le modificava nascondendo all’interno strumenti per lo spionaggio.

Ma numerosi esperti di sicurezza assicurano che neanche l’iPhone è del tutto impenetrabile. “Molti ci hanno contattato per aiutarci sul caso di San Bernardino”, ha dichiarato l’Fbi, che nel frattempo ha deciso di collaborare con Cellebrite, un’azienda israeliana che opera in due settori: da una parte la gestione commerciale dei dispositivi mobili aziendali, dall’altra l’analisi forense degli smartphone e l’estrazione dati, la stessa azienda alla quale si è rivolto anche il Tribunale di Milano per ottenere lo sblocco dell’iPhone 5 di Alexander Boettcher, imputato per le aggressioni con l’acido ai danni degli ex della sua fidanzata, Martina Levato.

Loading...
Potrebbero interessarti

Apple Pay, il servizio approda in Italia il 17 maggio

Ormai sembra quasi certo: il servizio di pagamento contactless e online Apple…

Meno social e più chat: previsto sorpasso nel 2019

Meno social e più chat, fra un paio di anni previsto il…