Avvelenati leoni star di una serie tv della BBC

Un atto assurdo, scellerato, di cui non si conosce la motivazione e il fine ultimo: l’unica cosa che si spera è che i responsabili siano scovati al più presto e condannati per la loro crudeltà.

La notizia arriva direttamente dal Kenya, dove otto esemplari di una famiglia di leoni, la Marsh Pride, protagonisti di un popolare documentario televisivo, il reality Big Cat Diary, sono stati avvelenati nella riserva naturale del Masai Mara.

I leoni hanno mangiato delle carcasse di animali avvelenati e subito dopo sono stati male. Di questi otto, due sono morti in atroci sofferenze, uno è scomparso ed altri cinque sono in ricovero presso strutture veterinarie specializzate.

Il sospetto è che a tendere la trappola, contaminando e disseminando ad arte le carcasse, siano stati allevatori soliti sconfinare nella riserva per pascolare il loro bestiame.  Secondo gli ambientalisti, la responsabilità di queste tensioni e il conseguente avvelenamento dei leoni della Marsh Pride sarebbe da attribuire alle autorità locali che non hanno saputo gestire una pianificazione non traumatica dei diversi interessi.

Il presentatore dello show, Saba Douglas-Hamilton, è un ambientalista del luogo ed ha dichiarato: “Sono sconvolto nell’apprendere dell’avvelenamento dei leoni della Marsh Pride e affranto a pensare quello che hanno dovuto soffrire prima di morire”.

Next Post

Civitavecchia, pensionato perde risparmi per salva banche e si suicida

Un pensionato di settantotto anni di Civitavecchia si è tolto la vita dopo aver scoperto di aver perso i risparmi di una vita: centomila euro versati in banca sono andati in fumo a causa del provvedimento del governo salva-banche, che ha azzerato i conti degli obbligazionisti; Un bigliettino in cui […]
Civitavecchia pensionato perde risparmi per salva banche e si suicida