Bellezza e cura di sé: tutto quello che la depilazione con laser può fare per te

Se esiste un trattamento estetico che non passerà mai di moda, quello è sicuramente la depilazione. Pare che le donne abbiano cominciato a liberarsi dei peli superflui già dai tempi dell’antico Egitto e questa pratica si è tramandata fino ad oggi, coinvolgendo sempre di più anche gli uomini che, da un po’ di tempo a questa parte, non si sottraggono al fascino di avere una pelle liscia e senza peli su tutto il corpo.

Dal rasoio alla ceretta, passando per luce pulsata fino alla depilazione con laser, oggi sono tanti i metodi a disposizione per liberarsi, con diversa efficacia, dalla peluria più o meno accentuata che ricopre il nostro corpo. Ma quali sono i motivi principali che spingono a depilarsi? Secondo una recente ricerca condotta su un campione di poco più di 2.500 donne tra i 18 e i 55 anni, più della metà lo fa per sentirsi bene con se stesse e per essere più sicure nei rapporti interpersonali. Seguono, ma abbastanza distanziate, quelle che dicono di farlo per i partner o influenzate da amici e familiari. Inoltre, quasi il 50% delle donne che si depilano vorrebbe che il proprio compagno facesse altrettanto.

Sono ancora molti quelli che si affidano a rasoio, cerette o epilatori per prendersi cura del proprio corpo e della propria pelle. Soluzioni facili da utilizzare anche in casa che però non pretendono e non possono, di fatto, risolvere il problema in maniera pressoché definitiva. Sono tutti metodi, infatti, che agiscono solo sulla parte del pelo che fuoriesce dalla pelle e non influenzano minimamente il bulbo pilifero, quello che permette la ricrescita del pelo a distanza di qualche giorno, o al massimo poche settimane, dal trattamento.

Una delle tecniche più moderne e più efficaci è quella della depilazione con laser che, a detta degli esperti, è in grado di garantire una progressiva scomparsa dei peli dalle zone trattate. Il laser emette una luce a forte intensità che surriscalda il bulbo pilifero fino a distruggerlo impedendo la ricrescita del pelo o rallentandola in maniera considerevole. Le zone del corpo che rispondono meglio al laser sono viso, gambe, inguine e schiena e i risultati ottimali si ottengono su pelli chiare e peli scuri e spessi. Più alto è il contrasto tra il colore della pelle e quello dei peli e migliori sono gli effetti del laser che agisce soprattutto sulla melanina, l’elemento che fornisce il colore alla pelle, ai capelli e alla peluria del corpo. Ad oggi tuttavia le moderne tecnologie hanno iniziato a produrre macchinari che permettono di ottenere portentosi risultati anche sull’epidermide più scura, permettendo a tutti di accedere a tali trattamenti senza rischiare danni di alcun tipo.

Prima di iniziare questo percorso “definitivo” è bene sapere che la depilazione con laser prevede più di una seduta per essere veramente efficace ma già fin dalle prime è possibile verificarne i risultati: i peli cominciano a crescere più lentamente – quattro settimane nei primi tempi fino a diversi mesi proseguendo il trattamento – fino alla scomparsa quasi definitiva della peluria o alla sua invisibilità ad occhio nudo. Ovviamente la ricrescita è una condizione soggettiva, influenzata dalla predisposizione del soggetto, dai suoi livelli ormonali e da altri fattori diversi da persona a persona, perciò la durata totale del trattamento non sarà mai uguale per tutti e in alcuni casi, a distanza di tempo, potrebbe risultare necessario sottoporsi ad una o due sedute.

Sono in molti a chiedersi se la depilazione attraverso il laser lascia segni o provoca dolore, ma tutti vengono ovviamente rassicurati sul fatto che non capita mai di aver alcun tipo di segno e soprattutto che il trattamento è indolore. Sicuramente in alcune zone sensibili si possono sentire dei pizzicori mentre la luce agisce, ma la potenza del laser viene regolata di volta in volta per adattarsi al tipo di risposta data dal cliente.

Le situazioni in cui è meglio evitare questa tecnica o rivolgersi al medico prima di intraprenderla, sono davvero poche. In presenza di nei, soprattutto se particolarmente grandi, è bene prima eliminarli e poi sottoporsi al trattamento così come le donne in stato di gravidanza farebbero bene a rimandare questa tecnica alla fine della fase di allattamento del bambino perché la loro pelle è più facilmente irritabile. Allo stesso tempo, nel caso in cui ci si stia sottoponendo ad una cura ormonale sarebbe meglio attendere, così da avere anche risultati migliori e non “falsati” dagli ormoni che circolano e che possono rallentare il processo di epilazione. Per il resto chiunque può riuscire a liberarsi dei propri peli in maniera risolutiva e pressoché definitiva.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Fegato grasso Pericolo cirrosi nei bambini

Ormai è praticamente conclamata: obesità e sovrappeso, soprattutto nei bambini, non sono…

Ipertensione, è un algoritmo a decidere la diagnosi appropriata

Le malattie cardiovascolari sono certamente tra le più diffuse, in Italia e…

Paura a Bologna, isolato un caso di febbre Dengue

Per chi non ne fosse a conoscenza, la Dengue è una malattia…

Sempre più Over 65 gradiscono la compagnia di un simpatico animale domestico

“L’attività fisica legata al possesso di un animale, contribuisce alla prevenzione e…