Beta Carotene rischio di cancro ai polmoni

Redazione

Dalla Facoltà di Medicina dell’Università Beykent, il Capo del Dipartimento di Farmacologia Medica Prof. Dott. Okan Yıllar ha affermato che il normale funzionamento biochimico e fisico del corpo umano dipende dall’assunzione regolare di molte sostanze negli alimenti. Nella sua dichiarazione, il Prof. Dott. Okan Yıllar ha avvertito che soprattutto i fumatori hanno dimostrato che il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni aumenta con il B-carotene e ha detto: “L’assunzione di integratori naturali non necessari a dosi anormalmente elevate può danneggiare il nostro organismo invece di trarne beneficio“.

Affermando che la sostanza in oggetto B-carotene è uno dei precursori della vitamina A di derivazione vegetale, Yllar ha continuato dicendo che la vitamina A dovrebbe essere menzionata per prima per comprendere bene l’argomento;

La vitamina A si trova negli alimenti sotto forma di vari precursori e vitamine. Il più importante di questi è il retinolo ed è di origine animale; Poiché è immagazzinato nei grassi, si accumula nell’organismo e crea effetti indesiderati se assunto in eccesso per lungo tempo. Il retinolo si trasforma in una certa misura nel corpo in retina, che ha una forte attività della vitamina A; alcuni si trasformano in acido retinoico senza attività di vitamina A. La vitamina A ha funzioni estremamente importanti per la vista, il mantenimento delle normali cellule epiteliali, la crescita e la differenziazione e contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario“.

Beta Carotene rischio di cancro ai polmoni

Attirando l’attenzione sul fatto che la vitamina A non è resistente al calore, Yıllar; Ha detto che la vitamina A sarà inattivata durante processi come l’ebollizione e la frittura. “Queste vitamine vengono aggiunte al latte in quantità giornaliere per contribuire allo sviluppo del bambino e alla salute pubblica in alcuni paesi sviluppati“. Yıllar ha detto: “Ci sono pigmenti carotenoidi (provitamine A), che sono precursori della vitamina A, in alimenti vegetali colorati come carote, verdure verdi e frutta. Il più efficace e il più abbondante di questi è il B-carotene. Questa sostanza si trasforma in due molecole retiniche a seguito della rottura ossidativa nel corpo; Il retinolo e la retina si trasformano l’uno nell’altro nelle cellule e sono in equilibrio“.

Affermando che il B-carotene è un precursore della vitamina A nel corpo e ha attività antiossidante poiché previene la formazione di radicali liberi tossici dell’ossigeno a livello cellulare, Yıllar ha affermato che questo approccio ha portato all’uso del B-carotene come anti-agente del cancro e ha continuato le sue parole. ha detto:

Tuttavia, gli studi scientifici su questo argomento hanno rivelato risultati controversi. Il B-Carotene è attualmente utilizzato come medicinale in dermatologia per ridurre i disturbi della pelle come la sensibilità alla luce. Uno studio condotto nel 2003 ha dimostrato che il carotene non ha avuto effetti significativi nella prevenzione dei tumori della pelle negli esseri umani. In effetti, alcuni studi hanno riportato che il B-carotene aumenta il rischio di cancro ai polmoni nei fumatori. Successivamente, sono stati avviati studi su larga scala per illuminare l’argomento“.

Uno degli studi sull’effetto del carotene sul corpo umano è stato condotto in Finlandia, Yıllar ha dichiarato che 29.133 volontari maschi finlandesi che fumano e di età compresa tra 50 e 69 anni hanno partecipato allo studio. Nello studio in cui i soggetti sono stati divisi in due gruppi al fine di valutare se il B-carotene riduce il rischio di cancro in questo gruppo di persone il cui rischio di cancro è aumentato a causa del fumo, ad un gruppo sono stati somministrati integratori di B-carotene / alfa tocoferolo e all’altro gruppo è stato somministrato un placebo (farmaco vuoto). Affermando che il gruppo è stato seguito per circa 6 anni, Yıllar ha condiviso i risultati della ricerca:

Secondo la valutazione effettuata nel 18° mese dello studio, la frequenza del cancro del polmone, della prostata e dello stomaco è risultata statisticamente significativamente più alta in coloro che assumevano integratori di B-carotene / alfa tocoferolo. Il rischio di cancro al polmone è risultato essere più alto in coloro che fumavano 1 confezione al giorno o più rispetto a quelli che fumavano meno.

In un altro studio, quando il gruppo placebo è stato confrontato con quelli che hanno assunto integratori di B-Carotene; Non c’era alcuna differenza nei tassi di cancro del colon-retto, recidiva di polipi del colon, cancro del pancreas, cancro della vescica e cancro del fegato. Inoltre 18.314 residenti negli Stati Uniti di età compresa tra 46 e 74 anni, fumatori ed esposti all’amianto, hanno partecipato ad un altro studio (studio Caret) con una data di inizio del 1985, Yıllar, nello studio, ha diviso i suoi pazienti in due gruppi; Ha anche condiviso i dati relativi a questo studio, affermando che a un gruppo è stato somministrato B-carotene / retinolo, mentre l’altro gruppo, il gruppo di controllo, ha ricevuto placebo:

Rispetto al gruppo placebo, il gruppo B-carotene / retinolo ha mostrato un’aumentata incidenza di cancro ai polmoni nel primo gruppo.

Non c’è stato un aumento del rischio di cancro ai polmoni nei fumatori esposti all’amianto e nei forti fumatori rispetto al placebo.

Il gruppo che ha ricevuto integratori di B-carotene / retinolo rispetto al gruppo placebo; Non c’era un aumento del rischio di cancro alla prostata.

Lo studio CARET è stato chiuso all’inizio del 1996 a causa di decessi. Sottolineando che in un altro studio condotto nel 2010, è stato rilevato che l’integrazione di B-carotene non è raccomandata soprattutto per i fumatori, Yıllar ha detto: “Uno degli studi interessanti su questo argomento è che i medici statunitensi usano se stessi come soggetti. 22.071 medici maschi di età compresa tra 40 e 94 anni hanno partecipato allo studio e sono stati divisi casualmente in due gruppi, un farmaco e l’altro gruppo di controllo, e per 12 anni a un gruppo è stato somministrato B-carotene (50 mg al giorno), mentre il gruppo di controllo è stato dato un placebo. È stato riferito che l’11 per cento dei medici che hanno partecipato allo studio erano fumatori attivi e il 30 per cento erano ex fumatori“. Ha detto e citato i dati rivelati a seguito della ricerca dei medici statunitensi:

Come risultato della ricerca, è stato affermato che l’assunzione di integratori di B-carotene non ha aumentato l’incidenza di cancro statisticamente, e sebbene ci fosse solo un leggero aumento del rischio di cancro alla vescica e alla tiroide per chi ha assunto B-carotene, questo aumento non era statisticamente significativo. In un’analisi di sottogruppo di uno studio condotto su medici statunitensi, è stato valutato l’effetto dell’integrazione di B-carotene in pazienti con carcinoma prostatico avanzato sottoposti a trattamento radioterapico. In questo studio, è stato riportato che l’integrazione di B-carotene non ha contribuito alla recidiva della malattia e alla durata della vita“.

Secondo i dati degli studi, Yıllar, che ha affermato che gli integratori di B-carotene non hanno un effetto protettivo contro il cancro rispetto al placebo, ha avvertito che alcuni studi, in particolare i fumatori, hanno mostrato un aumento del rischio di cancro ai polmoni con B-carotene.

Next Post

I movimenti sbagliati che portano dolore al collo

Gli esperti hanno detto che tra le cause dell’ernia del disco cervicale, c’è lo stare a lungo nella posizione sbagliata sottolineando che è necessario evitare sforzi improvvisi e l’importanza di acquisire abitudini di seduta. Le ernie del collo sono conosciute come una condizione comune nella società. Esperti, affermando che se c’è […]
I movimenti sbagliati che portano dolore al collo