Coronasomnia, l’insonnia causata dal Covid-19

Redazione

L’epidemia di coronavirus nell’ultimo anno ha reso notevolmente difficile dormire bene la notte. Alcuni esperti hanno persino creato un termine per questo: coronasomnia o covidsomnia, che è una combinazione di insonnia e coronavirus o Covid-19.

Dormire sempre più regolarmente è una promessa che molte persone fanno all’inizio del nuovo anno. Ma poiché è passato un mese e mezzo dal nuovo anno, alcuni di coloro che fanno questa promessa si sono resi conto di non essere riusciti a mantenerla e ovviamente non per loro volontà.

L’epidemia di coronavirus nell’ultimo anno ha reso notevolmente difficile dormire bene la notte.

Coronasomnia insonnia causata dal Covid-19
foto@Flickr

Uno studio dell’Università di Southampton nel Regno Unito nell’agosto 2020 ha rilevato che la percentuale di persone con problemi di sonno è aumentata da un sesto a un quarto; È emerso che le madri in particolare, quelle in lavori critici e le minoranze devono affrontare più problemi di sonno.

Questo tasso è aumentato dal 14,6% al 20% durante il periodo in cui è stato imposto il coprifuoco ad esempio in Cina.

Studi in Italia e Grecia hanno dimostrato che il tasso di disturbi del sonno è salito a un livello critico del 40% a maggio.

In breve, il numero di persone con insonnia è aumentato. Mentre la pandemia entra nel suo secondo anno, mesi di distanziamento sociale e restrizioni simili hanno scosso la nostra routine quotidiana, cancellato i confini tra lavoro e vita privata e aggiunto una continua incertezza alle nostre vite. Tutto ciò ha avuto conseguenze disastrose per il sonno.

La nostra salute e produttività sono state gravemente compromesse. Ma tutto ciò può cambiare il modo in cui guardiamo e trattiamo i problemi del sonno e ci aiutano a spianare la strada alla normalizzazione delle nostre vite.

La perdita del sonno è un problema difficile da affrontare, indipendentemente dal fatto che si verifichi una pandemia.

Problemi regolari nel prendere sonno o una scarsa qualità del sonno possono portare a problemi di salute a lungo termine. Alcuni di questi possono essere elencati come obesità, disturbo d’ansia, depressione, malattie cardiache e circolatorie e diabete.

Molte organizzazioni sanitarie definiscono dormire meno di sette ore al giorno come un sonno insufficiente e questo può influire negativamente sulle prestazioni sul posto di lavoro. Molti studi dimostrano che la probabilità di commettere errori e il tempo di reazione aumenta e la concentrazione e il morale diminuiscono in caso di sonno insufficiente.

Alla Mayo Clinic, uno dei più grandi istituti di ricerca medica negli Stati Uniti, lo psichiatra e neurologo Dr. Secondo Steven Altchuler, afferma che il problema dell’insonnia che molti di noi stanno vivendo ora è dovuto a condizioni quasi “apocalittiche“:

Ci sono molteplici fattori qui. La prima è che la nostra routine quotidiana e l’ambiente in cui ci troviamo stanno cambiando radicalmente. Ciò rende difficile mantenere l’orologio circadiano (orologio biologico)“.

La vita delle persone che si alzavano in un giorno normale con la sveglia, si prendevano una pausa, tornavano a casa e si addormentavano sono cambiate con il lavoro da casa“.

Non ci sono più segni di riunioni in ufficio e pause pranzo in determinati orari. Lavorare a distanza interrompe il tuo orologio biologico“, afferma Altchuler.

Il tuo cervello è stato abituato a lavorare al lavoro, ad ascoltare e a rilassarsi a casa per tutta la vita. Adesso la situazione è diversa. Siamo sempre a casa“, spiega invece Angela Drake, professore di salute clinica presso l’Università della California.

Davis, che cura i pazienti con disturbi del sonno e scrive sulla coronasomnia, dice che quando lavoriamo da casa, probabilmente ci muoviamo meno e abbiamo meno luce del giorno. Queste sono tutte cose necessarie per dormire bene.

Le prestazioni sul lavoro sono un’altra questione. Nella maggior parte dei paesi, la disoccupazione ha battuto i record negli ultimi anni. Ecco perché chiunque abbia un lavoro vuole lavorare sodo per mantenerlo.

Ma lavorare da casa ha offuscato i confini tra lavoro e vita privata a cui eravamo abituati; Può anche portare a orari di lavoro irregolari.

Poiché i confini tra lavoro e casa sono sfumati, le persone tendono a rimanere sveglie più tardi“, afferma Altchuler.

Per molti di noi l’idea di lavorare in ufficio è diventata impossibile. E di conseguenza, diventa più difficile liberarsi dagli elenchi di cose da fare e dallo stress quotidiano della giornata lavorativa.

Oltre a tutto questo, ci mancano anche i nostri hobby e gli amici. Queste sono cose fondamentali per rilassarsi e alleviare lo stress.

I problemi di salute mentale che molti di noi sperimentano possono aumentare l’insonnia e viceversa.

Anche l’incertezza generale e la sensazione di perdita di controllo possono causare problemi di sonno.

La durata della pandemia è stato un altro fattore. Questo processo, che molte persone si sono date ai giochi per computer, alle serie TV o ai libri, ha portato dopo un po’ al panico, come ad esempio in alcuni paesi che durante i primi mesi facevano scorte di carta igienica.

All’inizio, le persone erano motivate ad affrontare lo stress della pandemia. Ma man mano che la pandemia si estendeva, le persone sono diventate incapaci di far fronte, il che ha portato a problemi più grandi, compresi i problemi del sonno“, dice Drake.

Affermando che alcuni problemi di sonno si trasformeranno in “cronici e a lungo termine“, Drake sottolinea che è anche efficace per le persone posticipare i trattamenti di cui hanno bisogno durante la pandemia e andare alle istituzioni sanitarie solo per le emergenze.

Ci sono anche passaggi che le persone possono intraprendere per superare questi problemi.

Una delle mie regole più importanti è vietare di lavorare con il notebook a letto“, afferma Drake.

Non mi interessa quanto sia comodo. Alla fine identifica il letto del cervello con il lavoro e lo rende difficile.

Leggere meno notizie, non usare il telefono come sveglia (anche la luce blu ti rende insonne a letto) e pensare a quando non puoi dormire girando la sveglia nel comodino sono tra i metodi consigliati per evitare l’ansia che manca insonnia notturna.

E ricorda, stiamo attraversando tempi estremamente insoliti. Non sorprende che abbiamo difficoltà durante questi periodi.

L’ultima volta che un evento del genere è accaduto 100 anni fa. Nessuno di noi ha visto niente di simile“, dice Drake.

Next Post

Beta Carotene rischio di cancro ai polmoni

Dalla Facoltà di Medicina dell’Università Beykent, il Capo del Dipartimento di Farmacologia Medica Prof. Dott. Okan Yıllar ha affermato che il normale funzionamento biochimico e fisico del corpo umano dipende dall’assunzione regolare di molte sostanze negli alimenti. Nella sua dichiarazione, il Prof. Dott. Okan Yıllar ha avvertito che soprattutto i fumatori hanno dimostrato che il […]
Beta Carotene rischio di cancro ai polmoni