Beyoncé, bisogna lottare per i diritti delle minoranze

Nonostante la costituzione americana, come quella della maggioranza degli stati civili, preveda uguaglianza e pari diritti tra tutti, senza distinzione di razza, religione, sesso, i sanguinosi fatti degli ultimi giorni hanno mostrato quanto molto spesso nella realtà la tanto decantata uguaglianza sia soltanto mera utopia.

Lei, da star internazionale, sicuramente non ha patito tutte le discriminazioni e le violenze che ancora milioni di persone nel mondo patiscono per la loro presunta “diversità”, eppure ha voluto condividere col suo pubblico il suo messaggio, per spingere a lottare e a non arrendersi mai alla paura della violenza cieca e insensata.

Durante la tappa di Glasgow del suo tour, Beyoncé ha lanciato un intenso appello per ricordare gli afroamericani uccisi dalla polizia: «Siamo stanchi di vedere uccisi gli uomini e le donne della nostra comunità […] Non ci serve compassione. Ci serve rispetto. Come comunità dobbiamo combattere contro chi crede che gli omicidi da parte di chi dovrebbe difenderci debbano sempre restare impuniti».

Dopo l’uccisione di Alton Sterling e Philando Castile in Louisiana e in Minnesota, Beyoncé ha poi pubblicato un lungo sfogo sul suo sito, in cui chiede alla popolazione di colore di reagire ai soprusi, facendosi valere: “Non abbiamo bisogno di solidarietà – scrive la popstar – abbiamo invece bisogno che tutti abbiano rispetto delle nostre vite”.

E ancora: “Ora la nostra comunità si organizzerà per lottare contro chiunque sia convinto che sostanzialmente non vadano punite le uccisioni o qualsiasi altra azione violenta compiute da coloro che hanno giurato di proteggerci. Questa è una battaglia umana. Non importa quale sia il tuo sesso, la tua razza o il tuo orientamento sessuale. Questa è una battaglia di tutti coloro che si sentono marginalizzati e che lottano per la libertà e per i diritti umani. E non è un grido contro la polizia, ma contro ogni essere umano che non sa valutare l’importanza della vita. La guerra contro le persone di colore e le minoranze deve finire”.

Next Post

Arriva il super Phablet, Samsung Galaxy J Max

Arriva il super Phablet, Samsung Galaxy J Max. E’ il Phablet più grande, e ha un display da 7 pollici. E’ stato presentato in via ufficiale due giorni or sono e probabilmente all’inizio sarà destinato al mercato indiano. E’ ovvio che in un secondo momento allargherà il proprio raggio di […]
Arriva il super Phablet, Samsung Galaxy J Max