Bibbia: Esodo, ecco chi era il malvagio Faraone
Esodo, ecco chi era il malvagio Faraone

Indizi archeologici uniti ad uno studio della cronologia biblica, potrebbero identificare il malvagio Faraone nel Libro dell’Esodo, ha affermato in modo sorprendente un esperto di scritture.

Il Libro biblico dell’Esodo descrive la difficile situazione degli antichi israeliti sotto la schiavitù egiziana e la loro successiva fuga verso la libertà. I protagonisti di questo capitolo dell’Antico Testamento includono il profeta ebraico Mosè e il faraone egiziano senza nome, la cui identità è stata oggetto di accesi dibattiti. L’Esodo contiene pochissimi indizi sull’identità del Faraone, rivelando solo gli Israeliti “costruiti per le città del tesoro del Faraone, Pithom e Raamses“.

E sebbene l’accuratezza storica di questi eventi sia stata messa in dubbio da alcuni, gli storici hanno suggerito che il Faraone potrebbe essere stato Ramses II, Ramses III, Thutmose II o Akhenaton.

Il professor Tom Meyer dello Shasta Bible College e della Graduate School in California, USA, ha tuttavia suggerito un’altra possibilità.

Secondo lui, ci sono ampie prove archeologiche che suggeriscono che il faraone in Esodo fosse Amenhotep II, il figlio di Thutmose III.

L’esperto biblico ha detto a Express.co.uk: “Chi era il faraone dell’Esodo? Mosè, per un preciso motivo, scelse di non rivelare il nome personale di questo re nel libro biblico dell’Esodo“.

Questo mistero dei secoli può essere risolto utilizzando la cronologia biblica ed è rafforzato da un tesoro archeologico trovato tra le zampe della Grande Sfinge di Giza“.

Per scoprire l’identità di questo Faraone, iniziamo con il piolo cronologico fornito in 1 Re 6: 1, che afferma che il re Salomone iniziò a costruire il Tempio di YHWH a Gerusalemme 480 anni dopo l’uscita di Israele dall’Egitto“.

La costruzione del Tempio iniziò intorno al 960 aC, il che avrebbe posto l’Esodo intorno al 1440 aC.

Durante un periodo di 40 anni prima dell’Esodo, la Bibbia dice che Mosè andò in esilio in Madian per l’uccisione di un padrone di schiavi egiziano, dove attendeva la morte del faraone d’Egitto.

È durante questo periodo che le scritture dicono che Dio parlò per la prima volta a Mosè attraverso un roveto ardente.

Esodo, ecco chi era il malvagio Faraone

Il professor Meyer ha detto: “Utilizzando la cronologia biblica, questo faraone che morì poco prima dell’Esodo può essere identificato come il famoso e potente Thutmosi III – 1504-1450 aC“.

Suo figlio e successore che divenne il faraone dell’Esodo fu Amenhotep II – dal 1454 al 1419 aC“.

Entrambe le loro mummie sono state scoperte alla fine del XIX secolo dagli archeologi e sono esposte al Museo delle antichità egizie al Cairo“.

Inoltre, sono stati scoperti numerosi rilievi e statue relativi a questi Faraoni che ci aiutano a capire di più sui loro regni“.

Amenhotep II ha assunto le redini del potere da suo padre al culmine dello splendore della nazione.

Ma il professor Meyer ha detto che la nazione è rapidamente declinata sotto Amenhotep II, che secondo lui potrebbe essere stato un risultato diretto delle 10 piaghe descritte nell’Esodo.

Ha detto: “È interessante notare che l’archeologia ci dice che il figlio primogenito di Amenhotep II non salì al potere, come era usanza, ma un figlio più giovane regnò al suo posto; questo è in accordo con il racconto biblico secondo cui il primogenito del Faraone morì durante il decima piaga“.

La ‘Stele della Sfinge’, un monumento risalente al XV secolo aC ritrae Thutmose IV che elogia gli dei egizi per essere diventato Faraone anche se non era il primogenito di Amenhotep II“.

Usando la cronologia biblica e la scoperta di tesori egizi sepolti nelle sabbie del tempo possiamo determinare chi fosse il faraone dell’Esodo“.

Eppure, molti storici hanno contestato la validità della Scrittura, arrivando a dire che gli eventi dell’Esodo non sono interamente fondati su fatti storici.

William Dever, professore di archeologia del Lycoming College in Pennsylvania, ha dichiarato nel 2012: “Quando si tratta di Mose, ancora una volta, hai un ritratto davvero più grande della vita“.

Dubito che i miracoli a lui attribuiti siano mai avvenuti. Non credo che abbia condotto tre milioni di israeliti fuori dall’Egitto in un esodo attraverso il Sinai“.

Non penso che fosse il fondatore della religione israelita, ma penso che ci fosse un Mosè“.

Io dico, e penso che anche altri archeologi lo faranno, c’è stato un piccolo gruppo di esodo – non milioni di persone, ma forse poche migliaia – che sono fuggiti dalla schiavitù in Egitto“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Babà, delizia napoletana dalle origini però poco partenopee

Napoli è una delle città, nel mondo, che può vantare una molteplicità…

18 ore di sole? Possibile durante le notti bianche in Russia

Se siete stati in alcune zone della Russia vi sarà senza dubbio…