Caldo, si può combatterlo anche con alimentazione sana e leggera
Caldo si puo combatterlo anche con alimentazione sana e leggera

Come abbiamo avuto modo di vedere già nelle scorse ore, questo week end è stato di caldo torrido, ed è solo l’inizio, perché nelle prossime settimane la situazione meteo non è certo destinata a migliorare.

Caldo e afa – affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo – si intensificheranno la prossima settimana durante la quale si potranno raggiungere i 38 gradi soprattutto nelle regioni del Centronord. Questa ondata di caldo potrebbe persistere per tutta la prima settimana di agosto; in seguito il caldo anche se lentamente, dovrebbe iniziare ad attenuarsi.

Per i prossimi giorni, soprattutto per quanto riguarda la seconda parte della settimana, assisteremo ad un ulteriore lieve aumento delle temperature, sia nei valori massimi diurni, sia in quelli notturni. Nelle località della Val Padana, nei fondovalle alpini e nelle zone interne del Centrosud e delle Isole – spiegano ancora i meteorologi del Centro Epson – i termometri toccheranno i 35 gradi con punte di 36-37 gradi con afa specie al Nord.

L’attenzione naturalmente deve restare alta, soprattutto per quanto riguarda le fasce più deboli della popolazione, come bambini e anziani, che devono proteggersi adeguatamente.

In primis va evitata assolutamente l’esposizione diretta al sole nelle ore più calde della giornata, in spiaggia bisogna coprirsi completamente con crema solare, ed anche con cappello ed occhiali da sole se necessario.

Via all’utilizzo dell’aria condizionata, ma attenzione anche agli eccessi: lo sbalzo termico tra interno ed esterno potrebbe fare più male che bene.

Ma il caldo, come gli esperti ripetono da anni, si combatte anche a tavola: una giusta idratazione e alimentazione aiuta a vivere bene queste settimane di afa ed ad attendere sereni il rinfrescarsi dell’aria.

Durante tutto il periodo estivo, il nostro organismo ha bisogno di cibi leggeri e nutrienti, ricchi di proteine ed acqua, ma soprattutto facilmente digeribili.

In particolare, stando a quanto suggerito dagli esperti del Dole Nutrition Institute, alcuni tipi di frutta e verdura non dovrebbero mai mancare sulle nostre tavole per affrontare al meglio queste temperature eccessivamente elevate.

In questo senso per evitare il rischio di disidratazione si può ricorrere all’anguria, un frutto che è composto di acqua per il 92% o per quanto riguarda la verdura al cetriolo, composto per il 97% di acqua ed oltre a ciò fornisce un adeguato quantitativo di vitamina C e di fibre.

Tra i piatti da preferire c’è l’insalata, da consumare a pranzo e a cena; pasta fredda in tutte le sue varianti leggere, frutta e verdura di stagione, estremamente importante per proteggere la pelle dall’esposizione solare in quanto ricca di acqua e carotenoidi. Per gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio, si può optare per yogurt, frullati e macedonie.

Ma anche il miele è un alleato prezioso nella dieta anti-afa.

A sostenerlo è il nutrizionista e medico dello sport Michelangelo Giampietro, che spiega: “Il miele è un prodotto naturale di grande pregio, che può rivelarsi utile per affrontare lo sforzo fisico anche con il grande caldo. La reidratazione a base d’acqua, o altre bevande, e miele – osserva – è un’ottima soluzione per fronteggiare le perdite di fluidi, energia e di alcuni micronutrienti”.

“Grazie alla sua composizione nutrizionale e alla sua digeribilità – spiega Giampietro – il miele si colloca tra i migliori alimenti in grado di fornire carboidrati per chi pratica sport e non solo. Il miele fornisce in media 304 calorie ogni 100 g, con 80,3 grammi di carboidrati disponibili, per la quasi totalità composti da fruttosio e glucosio. Apporta sostanze importanti e necessarie per l’organismo (vitamine, sali minerali, oligoelementi, zuccheri e amminoacidi ). Inoltre, ha un’azione protettiva e disintossicante per le sue proprietà antisettiche, che preserveranno da aggressioni e sviluppi batterici”.

“La presenza anche di minerali, vitamine, antiossidanti ed enzimi – aggiunge l’esperto – ne esalta le qualità nutrizionali. Inoltre, per ottimizzare la disponibilità energetica è opportuno consumare zuccheri diversi e il miele contiene sia il glucosio che il fruttosio, oltre ad altri zuccheri disponibili. La reidratazione a base d’acqua o altre bevande dolcificate con il miele è un metodo eccellente per sopperire alle possibili carenze di energia, liquidi e zuccheri”.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Giornata mondiale contro la polmonite: sottovalutata

Ad oggi risulta essere indubbiamente troppo sottovalutata ma la polmonite è una…

Morbillo fa ancora paura in Italia

Il morbillo è un’infezione respiratoria altamente contagiosa causata da un virus, il cui sintomo caratteristico…

Il colesterolo alto dipende anche dal proprio corredo genetico

Controllare il livello dei grassi cattivi, il cosiddetto colesterolo cattivo, nel nostro…

Attenzione alla “Sunburn art”, la pericolosa moda di tatuarsi con il sole

L’estate è ormai arrivata e con essa il desiderio di tantissime persone…