Cane che abbaia il Sindaco non può zittirlo
Cane che abbaia il Sindaco non puo zittirlo

Non può zittirlo il Sindaco, stiamo parlando di un cane che abbaia e secondo l’ordinanza emanata dal Sindaco, si sarebbe dovuto obbligatoriamente adoperarsi per farlo stare zitto.

Oggi arriva la decisione del TAR di Lecce, così come ci informa il comunicato stampa de: Lo Sportello dei Diritti, secondo i giudici amministrativi:

Il potere di urgenza può essere esercitato solo per affrontare situazioni di carattere eccezionale e imprevisto, costituenti concreta minaccia per la pubblica incolumità, per le quali non sia possibile utilizzare i normali mezzi apprestati dall’ordinamento giuridico e unicamente in presenza di un preventivo accertamento della situazione, fondato su prove concrete e non su mere presunzioni: tali presupposti non ricorrono, dunque, laddove il Sindaco possa fronteggiare la situazione con rimedi di carattere corrente nell’esercizio ordinario dei suoi poteri, ovvero la situazione possa essere prevenuta con i normali strumenti apprestati dall’ordinamento”.

La sentenza pubblicata il 10 settembre 2015 dal TAR di Lecce, ha dato ragione al proprietario del cane che premeva per l’illegittimità della richiesta e soprattutto dell’ordinanza del Sindaco, il provvedimento sancisce inoltre che:

Non è stata adottata al fine di tutelare la salute e incolumità pubblica, bensì il disturbo di un vicino, peraltro accertato solo ove si verifichi la presenza di estranei, e quindi una circostanza non rientrante nella eccezionalità e imprevedibilità (dato che è piuttosto normale che i cani abbaino in presenza di estranei) ben superabile con altri rimedi apprestati dall’ordinamento”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Pontedera, capriolo provoca incidente grave fra due auto

Vicino Pontedera un capriolo attraversa la strada all’improvviso e provoca un grave…

Bari, 62 enne sbranato da due pittbull nel suo orto

Una scena da film horror quella che si è presentata agli occhi…