Cannabis, ingerita è più pericolosa che fumata

Da troppi anni impazza la polemica circa la classificazione in cui inserire la cannabis: gli esperti, infatti, si dividono tra coloro che la considerano una droga leggera e coloro che, al contrario, pensano che abbia gli stessi effetti di tutte le altre sostanze stupefacenti.

E nel mentre si discute sulla pericolosità dello spinello, la cannabis viene sempre più utilizzata in numerose preparazioni culinarie, dal pane ai biscotti, passando per torte e persino caramelle.

Ed è proprio per questo che gli esperti lanciano l’allarme: a quanto pare la cannabis è più nociva ingerita piuttosto che fumata.

A dirlo uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine, secondo cui la cannabis commestibile, a parità di concentrazione di THC e CBD, può causare danni come la cannabis fumata ed anzi di più.

In Colorado, dove è legale, i ricercatori hanno infatti scoperto che ci sono stati molti più casi di intossicazione acuta, di disturbi psichiatrici e di problemi cardiovascolari in chi assumeva cibi a base di cannabis rispetto ai casi riscontrati nelle persone che fumavano la cannabis.

Questo perché la cannabis commestibile si assorbe lentamente e la sua assimilazione nell’organismo varia a seconda della forma del prodotto consumato. Gli effetti non sono immediati, dunque questo porta a voler assumere ulteriori dosi del prodotto, causando un’ulteriore accumulazione della sostanza nell’organismo.

Next Post

Paola Caruso aspramente criticata per una foto post partum?

Che una donna, una volta diventata mamma, smetta di essere anche una persona a cui piace ricevere attenzioni, piacersi e piacere? Sembra una domanda banale, superata, dato che ormai il medioevo è passato da un bel pezzo e le donne pare abbiano acquistato un proprio ruolo che va al di […]
Paola Caruso aspramente criticata per una foto post partum