Carrie Fisher aveva predetto la data della sua morte

Redazione

Una rivelazione alquanto singolare quella del musicista James Blunt amico dell’attrice Carrie Fisher, prematuramente scomparsa, dopo un problema cardiaco, lo scorso 27 dicembre.

Carrie Fisher, la leggendaria principessa Leila, avrebbe predetto la data della sua morte, questo è quanto afferma il cantante e musicista James Blunt amico dell’attrice, i due sono diventati buoni amici prima che il cantante pubblicasse il suo album d’esordio e dunque prima della notorietà.

E’ proprio Blunt a parlare al Sunday Times Culture Magazine confermando: “Carrie aveva messo la sua sagoma di cartone nei panni della principessa Leila, fuori dalla mia camera con sopra scritto a mano la data di nascita e di morte”.

Il cantante e musicista non ricorda precisamente ma è sicuro si trattasse di una data tra la fine del 2016 e febbraio 2017, una sorta di predizione spaventosa che aveva allarmato Blunt che ammette: “Ricordo di aver pensato ‘ma è troppo presto’”.

James Blunt ha confermato anche la sua grande amicizia con Carrie, era molto legato all’attrice che aveva fatto da madrina al suo bambino nato nel 2016.

Next Post

ET, Winston Churchill già nel 1939 parlava di civiltà aliene

Winston Churchill, uno dei maggiori statisti e leader politici inglesi nella prima metà del Novecento, nel 1939 parlava di ET interrogandosi sulla eventuale esistenza di civiltà aliene. Non si può certo dire che Winston Churchill non fosse lungimirante. Già nel 1939 lui ipotizzava l’esistenza di altre civiltà nell’Universo. Questo si […]
ET, Winston Churchill già nel 1939 parlava di civiltà aliene