Catania, bar abusivo gestito da due bambini

Soprattutto quando si tratta di contesti sociali disagiati, non è difficile trovare bambini costretti a crescere troppo presto, ad occuparsi di “affari” da adulti quando invece sarebbe il caso che si occupassero solo dei compiti da svolgere a casa dopo la scuola.

Ma la storia che in queste ore arriva da Catania ha dell’incredibile: nella città siciliana due fratelli di 9 e 10 anni gestivano un bar, con annessa sala giochi e rivendita di fuochi d’artificio, in una struttura abusiva nel popoloso rione Librino.

L’esercizio era stato allestito occupando illegalmente il suolo pubblico.

L’edificio è stato sequestrato dalla polizia mentre il padre e il fratello maggiorenne dei due bambini sono stati denunciati.

Bar abusivo sequestrato dalla polizia.

I due adulti sono stati denunciati per vendita e cessione di fuochi d’artificio a minori di anni 18, invasione di edifici e terreni pubblici, sfruttamento del lavoro minorile e mancanza della tabella dei giochi proibiti.

Il genitore è stato anche denunciato per accensione di fuochi d’artificio in luogo pubblico senza autorizzazione.

I due minorenni, ricostruisce la Questura, servivano anche bevande alcoliche agli avventori e gestivano la cassa, lavorando in luoghi non salubri e non sicuri.

Next Post

Finge che sia mezzanotte per mandare a letto la figlia e fare festa

Una mamma ha simulato il conto alla rovescia di Capodanno per mandare sua figlia a letto presto in modo da poter fare festa con gli amici. Una scena quasi analoga molti la ricorderanno nel film di Fantozzi, quando ad un veglione di Capodanno, il maestro di musica finge una mezzanotte […]
Finge che sia mezzanotte per mandare a letto la figlia e fare festa