Catania, neonato grave per mancato cesareo
Catania, neonato grave per mancato cesareo

Grave un neonato a Catania per mancato intervento cesareo.

Il fatto, se confermato, sarebbe molto grave. Alcuni medici non si sarebbero fermati un minuto di più in ospedale, al cambio di turno, omettendo così di intervenire con un parto cesareo urgente su una paziente sofferente.

Il bambino è nato qualche ora dopo con lesioni gravissime. Il tutto è successo all’Ospedale Santo Bambino di Catania.

Due dottoresse sono stati sospesi dal servizio medico su ordine della Procura di Catania.

In base alle informazioni raccolte Deborah Percolla, la partoriente, aveva accusato ben cinque episodi di bradicardia in un’ora, rendendo indispensabile il cesareo.

Due dottoresse di turno avrebbero sottovalutato il caso somministrando atropina e successivamente simulando una irregolarità nel tracciato.

In base alle indagini, risulta che anche la cartella clinica sarebbe stata alterata, mentre i medici stessi non avrebbero informato i colleghi del turno successivo circa il reale stato della partoriente.

Un’altra dottoressa, sebbene non sia stata a conoscenza degli eventi, avrebbe avuto un comportamento negligente. Quest’ultima è stata sospesa per 4 mesi.

I fatti risalgono a luglio del 2015. Il bambino purtroppo ha riportato una encefalopatia ipossico-ischemica, una tetra paresi spastica e altre gravi patologie.

Loading...
Potrebbero interessarti

A Venezia novità green: Scossa, il vaporetto elettrico

A Venezia una novità green: arriva Scossa, il vaporetto elettrico L’imbarcazione percorre…

Udine, treno in ritardo record: il capotreno si addormenta

La stanchezza, si sa, fa brutti scherzi così capita che il capotreno…