C’è un pianeta errante al di fuori del Sistema Solare

Redazione

Gli astronomi hanno annunciato che un pianeta al di fuori del sistema solare potrebbe essere migrato dal suo luogo di nascita originale per una distanza totale di 7 milioni di chilometri, secondo una conclusione preliminare pubblicata sulla rivista Nature.

un pianeta errante al di fuori del Sistema Solare

Tuttavia, un astronomo egiziano ha chiesto di non affrettare i risultati, poiché le misurazioni dei percorsi dei pianeti al di fuori del nostro sistema solare possono differire notevolmente da quelle dei pianeti al di fuori del gruppo.

L’importanza degli studi che gli scienziati fanno sui pianeti e sui componenti delle orbite al di fuori del sistema solare deriva dalla speranza di trovare la vita lì, e l’acqua e i minerali che possono essere trasferiti sulla Terra minacciati dall’esaurimento delle sue risorse.

Secondo la rivista scientifica, ciò è avvenuto dopo aver determinato l’impronta chimica dell’atmosfera del pianeta, e ha mostrato che si era spostato nella sua posizione attuale, a 7 milioni di chilometri dal suo luogo di nascita o prima formazione, o l’equivalente di 1/20 calcolando il distanza dalla Terra al sole .

I risultati della ricerca condotta da un team internazionale di astronomi guidati dall’Università di Warwick in Gran Bretagna rappresentano la prima volta che circa 6 particelle nell’atmosfera di un pianeta al di fuori del sistema solare sono state misurate per determinarne la composizione, ed è anche è la prima volta che gli astronomi hanno utilizzato queste sei particelle per determinare la posizione in cui si formano questi caldi pianeti extrasolari.

Next Post

Esiste una nuova regione nella Via Lattea

La rivista WordsSideKick.com ha dichiarato il 9 aprile che l’area chiamata Sperone di Cefeo si trova tra lo spazio “Braccio di Orione“, cioè dove si trova il nostro sistema solare, e la costellazione stellare “Portatore di Perseo”, che è uno dei costellazioni dell’emisfero settentrionale. Ha aggiunto che la regione è […]
Esiste una nuova regione nella Via Lattea