Che vuoi che sia, il film di Edoardo Leo sui sogni incompiuti

Eleonora Gitto

I sogni incompiuti di una generazione nel film “Che vuoi che sia” di Edoardo Leo.

Arriva nelle sale il 9 novembre 2016 il film di Edoardo Leo che in questo lavoro ritroviamo anche in veste di attore.

Il film vanta un cast d’eccezione. A fianco dello stesso registra troviamo Anna Foglietta, Rocco Papaleo, Marina Massironi, Bebo Storti e Massimo Wertmuller.

La storia parla di una coppia dei nostri giorni che si barcamena fra lavoro precario, sogni mai realizzati, realtà virtuale dei social network e vita privata.

Ma nel film ritroviamo soprattutto “una generazione che non riesce a realizzare i propri sogni”

Anna e Claudio sono due giovani come tanti, con i problemi comuni a troppi. Lavoro insicuro e prospettive di futuro zero.

Le scarse risorse economiche non fanno arrivare a fine mese e rendono impossibile anche l’idea di avere un figlio o costruire una famiglia.

Che fare allora? Claudio pensa di lanciare una piattaforma web e lancia in rete un crowdfunding per recuperare fondi che si rivela non vero fallimento.

Allora Claudio si gioca il tutto per tutto: “modifica” il motivo per ottenere soldi: aiutatemi a sviluppare il mio progetto e noi, in cambio, giriamo un video hard e lo mettiamo in rete.

Il web ha un sussulto. Le donazioni aumentano a vista d’occhio. Arrivano soldi, tanti soldi. E ora che cosa si fa? Si chiedono i due? Il video hard lo giriamo o no?

“È una storia in cui molti possono identificarsi – spiega il regista Edoardo Leo – perché tocca temi e sentimenti comuni. C’è una coppia che prende una decisione e ne sottovaluta le conseguenze, ci sono un tema contemporaneo come il rapporto fra web e privato e un tema eterno, quanto costa la tua intimità, e se davvero ogni cosa può avere un prezzo”.

Next Post

Google alla UE: non capite nulla dello shopping online

Google a muso duro contro la UE: non capiscono nulla dello shopping online. Continua il braccio di ferro fra la Commissione Europea e Big G. La prima accusa Google di favorire con AdSense e con il tool di comparazione di prezzi, il suo servizio di acquisti rispetto a quello dei […]
Google alla UE: non capite nulla dello shopping online