Sport Tecnologia

Cicloturismo: come attrezzare la bici?

Cicloturismo come attrezzare la bici

Il cicloturismo è una pratica sempre più diffusa e popolare, anche per non professionisti. Si tratta, in pratica, di viaggiare e scoprire posti nuovi soltanto con la propria bicicletta, opportunamente attrezzata. Lo sviluppo di del cicloturismo ha creato un mercato molto specializzato per il settore, sia per quanto riguarda la tipologia di biciclette che per l’attrezzatura e gli accessori da portare con sé. Il cicloturismo si può definire tale se comprende almeno un paio di giorni in giro con la bici.

Le bici più adatte al cicloturismo

Restare tanto tempo in sella, macinando chilometri su sentieri e strade di vario tipo, richiede una struttura ben specifica. Le bici più affidabili per il cicloturismo sono le bici da trekking, le mountain bike e le bici ibride.

Le mountain bike sono state tra le prime ad essere utilizzate grazie alla loro resistenza sui terreni più impervi e alla maneggevolezza, ma le bici ideali per il cicloturismo sono però quelle da trekking, molto versatili e adatte ad ospitare borse laterali e sottosella: per scegliere la bici da trekking  più adatta alle proprie esigenze si possono consultare siti come bikester.

La struttura ideale della bici da trekking

Dato che si tratta di viaggi lunghi, la struttura deve essere comoda. Il manubrio dritto, ad esempio, è il migliore per restare eretti e ammirare il panorama. Il telaio in acciaio inox è inoltre il più indicato perché è leggero e durevole, ideale per non gravare sul peso di una bici già caricata con borse e accessori vari. La sella deve essere il più possibile confortevole.

Oltre alla struttura, però, è fondamentale che, prima ancora della partenza, la bici sia in perfette condizioni: verificare quindi ruote, freni e cambio è il primo passo per affrontare il viaggio.

cicloturismo come attrezzarsi
foto@Pixabay

Come caricare la bici per il cicloturismo?

I componenti ideali per la vacanza in bici sono le borse o i carrelli. Le borse si installano sotto la sella, sul telaio, di lato oppure sotto il manubrio.

La quantità e le dimensioni delle borse vanno valutate in base a ciò che dobbiamo portare e a quanti giorni durerà la vacanza. In genere, per due o tre giorni è sufficiente una borsa capiente da telaio e una sottosella, mentre per periodi più prolungati può essere consigliabile dotarsi di un carrello posteriore da collegare alla bici, che permette di stivare tutto l’occorrente per un lungo viaggio, tenda compresa.

Che cosa si porta per il cicloturismo?

Premesso che è utile essere flessibili e viaggiare leggeri, la prima attrezzatura da considerare è quella per le riparazioni in viaggio: ad esempio lubrificanti, kit di foratura, chiavi inglesi e perfino pneumatici di riserva.

In secondo luogo si sceglie l’abbigliamento, che varia in base alla stagione e al clima. Si possono prevedere un cambio intimo al giorno, un piccolo beauty case per la cura della persona e l’abbigliamento esterno, che potrà essere tenuto anche per più giorni: si tratta di capi tecnici, resistenti ad acqua e umidità, che sono leggeri, comodi da arrotolare per non occupare spazio, e che nel caso si lavano e si asciugano molto in fretta. Non possono mancare acqua e cibo, portaborraccia con borraccia, documenti, soldi, caricabatterie e apparecchi elettronici e infine le misure di sicurezza previste dalla legge: giubbotto catarifrangente, luci posteriori e anteriori, casco e, anche se non obbligatorio, specchietto retrovisore.

pic@MaxPixel

About the author

Redazione

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute.

Add Comment

Click here to post a comment