Clima, ci resta poco per salvare il nostro pianeta

Qualcosa nella sensibilità comune si sta muovendo, le campagne di sensibilizzazione si stanno moltiplicando, come anche i tentativi di creare forme alternative di energia per cercare di impattare di meno, ma la situazione è molto grave: abbiamo fatto talmente tanto male al nostro pianeta che rimane solo una manciata di anni per cercare di salvare il salvabile.

In queste ore arriva l’ennesimo allarme degli esperti: “Non abbiamo più tempo. Ci restano solo due generazioni. Tra due generazioni i nostri figli e i nostri nipoti corrono il rischio di non poter stare all’aria aperta. Di abitare un pianeta non vivibile a causa dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento”.

Il monito è di Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto superiore di sanità, lanciato nel corso della presentazione alla stampa del primo Simposio internazionale Health and Climate Change.

Per l’esperto il pericolo è imminente e gravissimo: “il pericolo concreto è che le ondate di calore, che nel 2003 hanno fatto 70mila morti, possano passare da periodi limitati dell’anno a oltre 200 giorni l’anno in alcune parti del mondo”.

Naturalmente è impensabile stare con le mani in mano. L’obiettivo, ha concluso Ricciardi, deve essere quello di “fornire ai politici e istituzioni dati certi e scientifici relativi all’impatto sulla salute, perché prendano delle decisioni rapide, dopo che anche all’ultimo G20 non si è arrivati ad un documento finale netto. Le speranze sono ora nella Cop24 oggi al via”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Onu, la Convenzione sui diritti dell’infanzia compie oggi 25 anni

Nel 1989 veniva approvata la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.…

Londra prove tecniche di terrorismo

Il tema è scottante e più che attuale, ma questa volta almeno…