Coronavirus e diabete, maggiori rischi per chi ne soffre

Redazione

I medici hanno sottolineato la necessità per i diabetici di seguire misure specifiche per prevenire l’infezione da Coronavirus, o per ridurne i rischi in caso di infezione già avvenuta, sottolineando che oltre il 40% dei decessi per coronavirus, sono legati a pazienti con questa malattia.

Le misure più importanti sono monitorare continuamente il livello di zucchero nel sangue, controllarlo con farmaci, lavorare a distanza per i gruppi più a rischio di malattia e aderire a uno stile di vita sano che migliori il lavoro del sistema immunitario.

Coronavirus e diabete maggiori rischi per chi ne soffre

In particolare, se possibile, si invitano i pazienti diabetici a rimanere a casa, a non uscire se non necessario, a stare lontano da luoghi affollati, indossando guanti e una mascherina medica, a non mescolare o toccare nulla, lavarsi bene le mani ed evitare di toccare il viso.

Se un diabetico è contagiato da coronavirus, deve prima controllare il livello di zucchero, almeno cinque volte al giorno, per assicurarsi che sia al livello normale, e se lo zucchero scende a un livello inferiore a 70 milligrammi, quindi deve accelerare il consumo di alcune bevande zuccherate, o una semplice quantità di miele, per aumentare il livello di zucchero, ma se il livello di zucchero è superiore a 300 milligrammi, deve assicurarsi di non essere infettato dal virus, e bere una grande quantità di liquidi.

Gli specialisti hanno sottolineato poi, la necessità di un monitoraggio domiciliare continuo del livello di zucchero nel sangue, una registrazione e un monitoraggio accurati delle letture, l’impegno a mangiare cibo sano e l’accesso all’assistenza sanitaria domiciliare in particolare per rafforzare il sistema immunitario di fronte alle malattie.

È probabile che i pazienti con diabete di tipo 2 soffrano di complicazioni pericolose, in caso di infezione con il virus Corona, e un gran numero di loro entrano in unità di terapia intensiva e la durata del soggiorno, oltre alla possibilità di morte“, spiegano i medici, osservando che ci sono dati limitati che valutano i rischi della malattia. Morte grave, grave, nei pazienti con diabete di tipo 1.

Il covid-19 porta a gravi sintomi di pazienti diabetici, tra cui chetoacidosi diabetica, iperglicemia e grave insulino-resistenza” viene specificato.

L’insulina è il trattamento preferito per la glicemia alta nei pazienti affetti da “Covid-19” nei casi moderati e gravi, per i pazienti con diabete di tipo 2 per il trattamento con insulina può essere temporanea, mentre i pazienti con diabete di tipo 1 ne hanno bisogno sempre, che mangino o no, per prevenire la chetoacidosi.

La glicemia alta è uno dei fattori che scatenano infezioni respiratorie e polmonari, che possono spingere il paziente ad assumere farmaci a base di cortisone, che a loro volta causano problemi a un paziente diabetico, sottolineando la necessità di controllare costantemente i livelli di zucchero nel sangue e monitorarli , per impedire al paziente di entrare nella fase pericolosa.

C’è la necessità di prestare attenzione alla salute generale di un diabetico, seguendo uno stile di vita sano, una dieta ricca di vitamine, minerali e sali, e allontanandosi da abitudini che influiscono negativamente sul sistema immunitario.

Next Post

Manufatti antichi confermano che c'era qualcuno prima di noi

Antiche opere d’arte conservate per centinaia e persino migliaia di anni sono state interpretate come prova dell’esistenza di civiltà aliene. Gli archeologi hanno scoperto molti pezzi d’arte e strumenti unici nel corso degli anni che ci aiutano a comprendere la storia umana, ma per molti questi manufatti possono in realtà […]
Manufatti antichi confermano qualcuno prima di noi