Coronavirus: infermiera consiglia come pulire anelli e accessori

Redazione

Il numero di casi di coronavirus, anche nel Regno Unito, è salito a 280 poiché tre persone sono state tragicamente uccise dal virus.

Il Coronavirus sta spaziando in Italia e comincia a fare breccia anche nel Regno Unito, insieme al resto del mondo, con 280 persone che sono risultate positive..

Le rimanenti partite di rugby delle Sei Nazioni sono state sospese fino alla fine dell’anno, mentre le compagnie aeree annullano i voli verso le aree infette.

In Italia, i decessi per virus sono aumentati del 57 per cento, da 233 al 366 in un solo giorno, arrivando a bloccare quasi 16 milioni di persone nel Nord Italia.

Più di 80 paesi sono colpiti dall’epidemia, con 110.000 persone risultate positive al coronavirus e 3.800 decessi confermati.

L’idea è partita da un’infermiera in Australia che ha condiviso i suoi consigli su come ridurre la diffusione del virus.

Coronavirus: consigli sulla pulizia di anelli e accessori

L’assistente sanitaria, che attualmente sta viaggiando in giro per il Giappone con il suo fidanzato, ammette di essere un po ‘”maniaca della pulizia” e che l’igiene delle mani è molto importante per lei – il che ha senso considerando la sua professione.

Ha detto: “I miei vestiti sporchi e le borse, che vengono da fuori, non toccano il letto“, come riferisce a The Sun.

Ciò che può sembrare una cosa “normale” da fare, in realtà può contaminare il tuo letto con tutti i germi che i tuoi vestiti o la tua borsa hanno raccolto durante il giorno.

Pulisce anche tutti i gioielli che ha indossato quel giorno con salviette disinfettanti o antisettiche prima di rimetterli.

Ha detto: “Chi sa cosa si è annidato in quelle piccole pieghe?

Quindi, non importa quante volte ti lavi le mani, avrai comunque sporco e batteri accumulati nei tuoi anelli e accessori“.

L’infermiera ha anche detto di asciugare i sedili del bagno pubblico con un fazzoletto di carta e sanificare con il sapone per le mani prima di usarli.

Altri consigli includono evitare di toccare gli occhi, il naso e la bocca con le mani non lavate e di evitare il contatto ravvicinato con le persone che non stanno bene.

Se sei tornato da una qualsiasi delle aree infette dal 19 febbraio e sviluppi sintomi anche lievi, assicurati di autoisolarti per 14 giorni.

Ciò significa che le persone devono rimanere a casa e non andare al lavoro, a scuola o in luoghi pubblici.

Dovrebbero evitare di avere visitatori, ma gli amici, i familiari e gli autisti delle consegne possono lasciare il cibo e lasciarlo a casa.

Le persone dovrebbero anche evitare i trasporti pubblici o i taxi.

Next Post

Street photography, ecco di cosa si tratta

Oggigiorno tutti noi, con una macchina fotografica ma sempre più anche con smartphone e tablet, ci dilettiamo ad immortalare quello che ci circonda: paesaggi, animali, scene divertenti o al contrario drammatiche, amici, parenti, noi stessi. Scatti che dopo un po’ vengono eliminati dalla memoria del device utilizzato o, al contrario, […]
Street photography ecco di cosa si tratta