Corsa alla poltrona in Parlamento: merito dei Vitalizi

Servire il popolo italiano è senza dubbio un grande onore, come lo è il poter prendere decisioni a nome di milioni di persone, di cui volenti o nolenti si influenza la vita.

Ma è indubbiamente anche un vantaggio in termini economici perché, diciamocelo chiaramente, a chi non fanno gola i guadagni legati alla poltrona in Parlamento?

Un sostanzioso stipendio mensile, certo, ma soprattutto un vitalizio: cos’è?

Il vitalizio del parlamentare è una erogazione mensile godibile, al termine del mandato parlamentare, in base al conseguimento di alcuni requisiti di anzianità di permanenza nelle funzioni elettive.

Parlamento italiano e vitalizi (Foto@Flickr)

Non è facile calcolare a quanto ammonta un vitalizio parlamentare perché la situazione va valutata caso per caso però in linea di massima i parlamentari percepiscono circa il doppio di quanto hanno versato durante il loro mandato politico.

Secondo le nuove norme, bisogna comunque aver svolto il mandato parlamentare per almeno 5 anni e aver compiuto 65 anni di età.

Ma la cosa più importante è sicuramente che  il vitalizio è valido “vita natural durante”, cioè la sua erogazione non si esaurisce con la morte del parlamentare, ma continua ad essere erogato agli eredi.

Next Post

Coronavirus, i leghisti non vogliono a scuola chi è tornato dalla Cina

Quando si tratta di virus e, a maggior ragione, di potenziali pandemie, dovrebbero poter essere solo gli esperti del settore ad avere voce in capitolo. E gli esperti, interpellati dal governo sul Coronavirus e sulla prevenzione, hanno risposto che non vi sia nessun motivo plausibile per tenere gli studenti lontani […]
Coronavirus i leghisti non vogliono a scuola chi e tornato dalla Cina