Cosa accade quanto tratteniamo per troppo tempo il fiato?

Redazione

La respirazione è un riflesso e lo facciamo circa 19.000 volte al giorno senza nemmeno pensarci. Ma quando tratteniamo il respiro, o il nostro respiro viene interrotto, nel nostro corpo accadono alcune cose.

Respiriamo per assorbire ossigeno, che viene utilizzato per alimentare le nostre cellule in modo che ottengano energia. In questo processo, le cellule rilasciano anidride carbonica, che espiriamo.

Quando trattieni il respiro, l’anidride carbonica residua che normalmente verrebbe espirata inizia ad accumularsi nel tuo corpo. Il tuo cervello sente che ha bisogno di ossigeno e quando non puoi assorbirlo, l’accumulo inizia a diventare doloroso.

In primo luogo, sentirai un bruciore ai polmoni, poi, dopo più tempo, spasmi involontari e insopportabilmente dolorosi nel diaframma e nei muscoli intorno alle costole, insieme a vertigini.

Il fatto è che non morirai solo trattenendo il respiro da solo. Se trattieni il respiro abbastanza a lungo da perdere conoscenza, il tuo sistema nervoso autonomo, che regola la respirazione, la pressione sanguigna e altre funzioni automatiche, si riprenderebbe per farti respirare di nuovo.

Naturalmente, questo presuppone che tu non sia sott’acqua e che tu sia in grado di inspirare. Se trattieni il respiro sott’acqua, il tuo corpo sperimenta anche quello che viene chiamato il riflesso dell’immersione dei mammiferi.

Cosa accade quanto tratteniamo per troppo tempo il fiato

Cerca di preservare l’ossigeno per i suoi organi più importanti, come il cervello e il cuore, rallentando la frequenza cardiaca e riducendo il flusso sanguigno agli arti. Questa è essenzialmente la “modalità di risparmio energetico” del tuo corpo per aiutarti a ridurre il consumo di ossigeno.

Secondo un articolo pubblicato dall’American Physiological Society, probabilmente tutti i mammiferi e forse tutti i vertebrati hanno riflessi subacquei simili.

L’apneista Aleix Segura Vendrell detiene attualmente il record mondiale di apnea a poco più di 24 minuti, ma ha raggiunto questo obiettivo dopo aver riempito i polmoni con ossigeno puro prima. Senza di ciò, il record per il trattenimento del respiro più lungo in apnea è Branko Petrovic con 11 minuti e 54 secondi.

Uno studio sui subacquei in The Clinical Neuropsychologist non ha mostrato danni neurologici a lungo termine nei subacquei. Ma un altro studio dell’American Physiological Society ha scoperto che i subacquei avevano un livello elevato della proteina S100B, che potrebbe essere un marker di danno cerebrale.

È importante notare che questi studi sono stati condotti su un piccolo numero di partecipanti: sono necessarie ulteriori ricerche.

Next Post

Tartaruga marina colpita da una fiocina, indignazione del web

E’ stata arpionata una tartaruga marina ed ha scatenato l’indignazione del web, ovviamente da coloro i quali sono contro la violenza sugli animali. Una tartaruga marina Caretta Caretta è stata trovata il 9 settembre a Torre Vado località marina nei pressi di S.Maria Di Leuca, con una lunga lancia in […]
Tartaruga marina colpita da una fiocina indignazione del web