Demenza: Le proteine vegetali riducono il rischio

Redazione

Un nuovo studio condotto da un team di ricercatori dell’Università dell’Iowa e pubblicato il 24 febbraio sul Journal of the American Heart Association (JAHA) suggerisce che una dieta a base di proteine vegetali può ridurre il rischio di morte per demenza del 21%.

Oltre 100.000 donne in postmenopausa hanno partecipato allo studio
I ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 100.000 donne in postmenopausa di età compresa tra 50 e 79 anni che hanno partecipato allo studio Women’s Health Initiative tra il 1993 e il 2017.

Demenza Le proteine vegetali riducono il rischio

Al momento della registrazione per questo studio, i volontari hanno fornito informazioni tramite questionario alimentare, i loro contributi nelle piante (frutta, verdura e legumi), proteine ​​vegetali (in particolare tofu, noci, fagioli e piselli), uova, latticini, pollame, carne rossa, pesce e crostacei. Durante il periodo di follow-up, sono stati registrati 25.976 decessi, inclusi 6.993 decessi per malattie cardiovascolari, 7.516 per cancro e 2.734 per demenza.

Un’analisi dettagliata dei dati raccolti durante i 24 anni dello studio ha rivelato i benefici per la salute delle proteine ​​vegetali nella dieta. Rispetto alle donne in postmenopausa che consumano meno proteine ​​vegetali, quelle con il più alto apporto di proteine ​​vegetali hanno un rischio di morte per qualsiasi causa ridotto del 9%, ridotto del 9%, morte per malattie cardiovascolari e il tasso di morte per demenza ridotto del 12%.

Al contrario, consumare più carne rossa o proteine ​​animali aumenta del 20% il rischio di morte correlata alla demenza. Un maggiore consumo di carne, uova e latticini non trasformati è associato a un aumento del rischio di morte per malattie cardiovascolari rispettivamente del 12%, 24% e 11%.

Le uova consumate in grandi quantità aumentano del 10% il rischio di morire di cancro. I ricercatori non possono spiegare perché un elevato consumo di uova aumenta il rischio di morte cardiovascolare e per cancro.

I ricercatori concludono che quando si guarda alla dieta, dovrebbe essere considerata nel suo insieme. “I nostri risultati supportano la necessità di considerare le fonti proteiche alimentari nelle future linee guida dietetiche. Attualmente queste linee guida si concentrano principalmente sulla quantità totale di proteine ​​quando dovrebbero anche considerare il tipo di proteina” , ricordano.

Next Post

Sistema immunitario: A rischio con troppo fruttosio

Ampiamente utilizzato sotto forma di sciroppo nell’industria alimentare per il suo forte potere dolcificante, il fruttosio è comunque dannoso per la salute se consumato in eccesso. Numerosi studi hanno dimostrato che favorisce l’insorgenza di diabete di tipo 2 , malattie cardiovascolari e morbo di Alzheimer . Si ritiene inoltre che […]
Sistema immunitario A rischio con troppo fruttosio