Detriti spaziali: il 75% è di origine sconosciuta
Detriti spaziali il 75 per cento di origine sconosciuta

In un nuovo studio sui detriti spaziali, gli astronomi dell’Università di Warwick hanno scoperto che il 75% dei detriti orbitali non può essere abbinato a oggetti noti nei cataloghi satellitari pubblici. Questi risultati indicano che i detriti vicini alla Terra non sono ben tracciati.

Gli astronomi chiedono studi più regolari e approfonditi sui detriti orbitali ad alta quota per aiutare a caratterizzare gli oggetti locali e identificare meglio i rischi associati ai satelliti attivi su cui gli esseri umani fanno affidamento ogni giorno.

Nel loro lavoro, gli astronomi hanno concentrato i loro sforzi sulla ricerca e la fotografia di piccoli detriti che riflettono la luce male. Tali oggetti sono difficili da monitorare e registrare regolarmente nei cataloghi pubblici.

Il lavoro è stato svolto su oggetti nella regione geosincrona, a circa 36.000 chilometri sopra l’equatore, dove i satelliti ruotano con un periodo corrispondente alla rotazione della Terra. Molto al di sopra dello strato più esterno dell’atmosfera terrestre, non ci sono meccanismi naturali (come la resistenza atmosferica) che causano il decadimento dell’orbita, quindi i detriti che si formano vicino alla regione geosincrona rimarranno lì per molto tempo.

Per localizzare questi detriti, gli astronomi hanno utilizzato il telescopio newtoniano sull’isola di La Palma delle Canarie, che ha una grande apertura (2,54 metri), che gli consente di raccogliere fotoni di luce su una vasta area.

La maggior parte delle tracce orbitali trovate dagli astronomi avevano una luminosità di circa 1 metro o inferiore. Oltre il 95% di questi rilevamenti deboli non corrispondeva agli elementi noti nell’elenco pubblico. Quando i ricercatori hanno incluso altri rifiuti di quest’area (oggetti più grandi e più pronunciati) nell’elenco, hanno scoperto che oltre il 75% dei rifiuti nell’area geosincrona non aveva voci relative.

Loading...
Potrebbero interessarti

Scienziati: Ecco immortalità trasferendo il cervello in un corpo giovane

Sono già in corso ricerche per sconfiggere la morte, ricerche che coinvolgono…

HTC One M10: uscita smartphone a primavera?

Il nuovo smartphone HTC, non dovrebbe essere presente a fine mese durante…