Dieta di giugno, come perdere gli ultimi kg prima di andare in spiaggia
Cibi doc e dop italiani saranno etichettati come dannosi per la salute

La stagione estiva è ormai alle porte e tantissimi hanno già fatto il primo bagno, e quindi già superato lo scoglio del mostrarsi ben poco coperti agli altri.

Questo non toglie però che sono ancora tanti coloro che cercano di buttare giù qualche kg, per sentirsi meglio con se stessi e per indossare senza problemi i propri abiti preferiti, comprati magari quando si portava una taglia in meno.

Naturalmente bisogna sempre far attenzione a quale dieta si sceglie di seguire: un regime alimentare sbagliato, infatti, fa perdere liquidi e massa magra, ma ben poca massa grassa, col risultato che di vero dimagrimento non si può nemmeno parlare, anche se la bilancia segna di meno.

In questo periodo sta spopolando un regime buono e sano: parliamo della dieta di giugno, che consente di dimagrire diversi kg in soli 10 giorni, rimodellando il fisico e preparandoci alla prova costume.

Questo regime è sano perché si basa su frutta e verdura di stagione.

Questo è il periodo in cui la frutta è più buona e succosa: dalle fragole alle ciliegie, dalle nespole alle albicocche, dalle pesche ai meloni, l’offerta diventa ogni giorno più varia.

E la frutta in generale è un vero toccasana per le sue proprietà: come ben sappiamo, i frutti di colore rosso sono ricchi di antociani, che tonificano le pareti dei vasi sanguigni mentre quelli gialli e arancio di caroteni, che proteggono la pelle e gli occhi dalle radiazioni solari.

Naturalmente come in tutto bisogna usare moderazione: la frutta infatti fornisce molta acqua, utile per contrastare la disidratazione, ma anche zuccheri semplici, dei quali è bene non abusare perché fanno impennare la glicemia.

Il mese di giugno regala però anche tantissime verdure deliziose, come le zucchine e le melanzane, regine dei piatti estivi, che sono ricche di fibre, con un basso contenuto calorico e tante proprietà nutritive. Accompagnatele a carote, sedano, piselli, cetrioli, ravanelli, fave, lattuga, rucola e asparagi, aiutano a sentirsi più leggeri e in forma.

Ottimi anche i fagiolini che sono ricchi di fibre, vitamine e minerali, soprattutto potassio. Sono ottimi bolliti e poi conditi con semplice olio d’oliva e sale, oppure utilizzati per preparare primi piatti dal profumo e dal sapore estivi.

Come per tutti i regimi ipocalorici, questa dieta prevede di eliminare gli alcolici, i cibi fritti e quelli ricchi di grassi, ma anche i prodotti da forno e i piatti pronti.

In generale, questo regime fornisce 1400-1500 calorie al giorno per le donne e 1800-1900 per gli uomini.

In linea di massima, a colazione e negli spuntini vanno preferiti yogurt e frutta di stagione, a pranzo pasta o riso integrali, naturalmente accompagnati da verdura di stagione. A cena sempre verdura in abbondanza, che non deve mai mancare per dare un senso di sazietà con le sue fibre, accompagnata da carne magra ma soprattutto dal pesce, ricco di Omega3, perfetto per eliminare i rotolini di troppo e aiutare a rimanere in forma.

Naturalmente, anche questa dieta, come tutte quelle non date da un professionista e tarate sui propri parametri e patologie, non è adatta a tutti. Il consiglio è sempre quello di rivolgersi a un esperto ed evitare le diete miracolose propinate dalle amiche o raccolte in rete: solo un dietologo e un nutrizionista possono accompagnare in un percorso di perdita di peso efficace, sano e duraturo.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

A Carrara fa paura la malattia tropicale Dengue

L’Italia non è proprio il paese adatto, per le sue temperature e…

Molecular Farming: nuova speranza per i tumori

Si è parlato di Molecular Farming al Convegno di Labozeta Spa dello…

Salmonella, oltre 18 mila galline da abbattere a Correggio

Per coloro che non la conoscessero, la salmonellosi è un’infezione dell’apparato digerente provocata dai batteri di forma bastoncellare appartenenti alla…

Gravidanza surrogata: uno dei gemelli è il figlio biologico

Anche se in Italia è una pratica vietata dalla legge, e molti…