Dieta Sirt la migliore contro le malattie e l’invecchiamento
Dieta Sirt la migliore contro le malattie e invecchiamento

Secondo gli esperti nella lotta contro le malattie legate all’età, la dieta sirt potrebbe essere uno dei migliori rimedi, tale dieta si basa sul consumo di alimenti che attivano le sirtuine nel corpo. Questi “enzimi anti-invecchiamento” sono stati oggetto di numerosi studi legati in particolar modo sul loro potenziale medico.

Trovare farmaci che curano il cancro, l’Alzheimer, il Parkinson e il diabete, aiutare le personein sovrappeso a dimagrire ed avere una qualità di vita maggiore, la ricerca è costantemente al lavoro su questo. La cosiddetta dieta sirt dovrebbe essere la soluzione, secondo quanto si apprende attraverso numerosi articoli. Sirt è l’abbreviazione per i membri della famiglia delle proteine ​​sirtuin.

Le sirtuine: gli enzimi anti-invecchiamento

Dieta-Sirt-la-migliore-contro-le-malattie-e-invecchiamento

Le sirtuine sono enzimi che controllano i processi metabolici e di invecchiamento del nostro organismo, secondo alcuni studi un aumento dell’attività sirtuin è stato associato ad un effetto prolungante della vita nei vermi. Ad oggi, sono state identificate ben sette sirtuine umane (SIRT1-SIRT7). Sulla base di analisi filogenetiche, queste sono divise in quattro sottoclassi, il nome Sirtuin deriva dal gene Sir2, le sirtuine si trovano in tutti gli esseri viventi, da batteri e virus, a lieviti, animali, e ovviamente gli esseri umani.

Una rete di ricerca internazionale sotto la direzione del biochimico Prof. Dr. med. Clemens Steegborn è stata in grado di attivare farmacologicamente l’enzima Sirtuin 6 (SIRT6). Finora, erano note solo sostanze che attivano la SIRT1, invece le sostanze appena scoperte attivano la SIRT6 e quindi aumentano la sua attività. I nuovi risultati della ricerca consentono lo sviluppo di farmaci che possono aiutare a combattere le malattie legate all’età. SIRT6 sembra avere legami con lo sviluppo di Crohn Alzheimer ma anche la malattia di Parkinson.

Ma tornando all’applicazione della sirt in ambito “dieta” si può specificare che le sirtuine sono coinvolte non solo nei processi neurodegenerativi, ma anche nella patogenesi delle malattie metaboliche. SIRT1 riduce l’accumulo di tessuto adiposo bianco, la sua attività è regolata da SIRT7.  Alcuni scienziati del Max Planck Institute for Heart and Lung Research sono stati in grado di dimostrare nei topi che la mancanza di SIRT7 porta ad un’eccessiva attivazione di SIRT1 . Il risultato è una ripartizione del tessuto adiposo, dunque si potrebbe ipotizzare che tale inibitore SIRT7 possa essere il rimedio ideale per l’obesità.

Nella sovraattivazione cronica di SIRT1, tuttavia, gli animali hanno perso molto peso. Le due sirtuine sono quindi un punto di forza per attaccare e per combattere l’obesità o per poter intervenire in caso di perdita di grasso patologico in età avanzata. Un team di ricercatori giapponesi guidati da Hiroshi Inoue dell’Università di Kanazawa ha identificato l’enzima SIRT2 come un fattore chiave nella regolazione della glucochinasi epatica.

La glucochinasi è il primo enzima nel metabolismo del glucosio, ciò suggerisce che questo meccanismo possa essere un potenziale bersaglio terapeutico per il diabete di tipo 2. Gli attivatori SIRT1 migliorano l’omeostasi del glucosio nel corpo intero e la sensibilità all’insulina nel tessuto adiposo, nei muscoli scheletrici e nel fegato. Pertanto, l’attivazione di SIRT1 è un promettente nuovo approccio terapeutico per il trattamento del diabete di tipo 2.

Si parla inoltre di SIRT1 come “regolatore” per la secrezione di insulina, la produzione di adiponectina, le risposte infiammatorie, la gluconeogenesi e lo stress ossidativo. Tutti questi fattori promuovono la resistenza all’insulina.

E’ dunque molto promettente sollecitare i superenzimi semplicemente attraverso il cibo. Aidan Goggins e Glen Matten sono nutrizionisti e autori di bestseller sul tema, hanno sviluppato un’apposita dieta, contemplando alcuni polifenoli negli alimenti vegetali che hanno lo scopo di avere un effetto mirato sulle sirtuine.

Ad esempio, le mele fanno parte del cibo SIRT perché la “flavonoide” ha un effetto antiossidante e influenza l’attività delle piastrine. Melanzane, mirtilli e lamponi contengono antociani, che hanno un effetto protettivo cellulare. Il pompelmo contiene naringenina e ha un effetto positivo sullo zucchero nel sangue , sulla pressione sanguigna e sul colesterolo . Il cioccolato fondente, tè verde, aglio e olio d’oliva contengono micronutrienti che si dice agiscano sempre sulle sirtuine.

Si tratta di alimenti innegabilmente sani con alti livelli di antiossidanti, è comunque oggetto di discussione se tali ingredienti aumentino l’attività delle sirtuine “utili” e inibiscano quelle “dannose”. Inoltre, non è ancora chiaro, fino in fondo, quali siano tutte le sirtuine “buone” e quelle “cattive”.

fonte@news.doccheck.com

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute. I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Veb.it a firma della redazione.

Potrebbero interessarti

Marijuana light legale: online è boom di ordini

Arriva la Marijuana light legale, erano in molti ad attendere tale disposizione…

Insulina e diabete, presto ci saranno le pillole

Le dosi di insulina giornaliere per la gestione del diabete di tipo…

Shaken baby syndrome proteggere i bambini dalla sindrome del bambino scosso

Viene descritta come un”un insieme di segni e sintomi derivanti da violenti…

Perché non bisogna abbracciare il cane: i consigli della psicologa

La psicologa Alexandra Horowitz spiega perché non bisogna abbracciare il cane, ecco…