Tumore, Mariagrazia lo ha sconfitto e ora supporta i malati con un calendario
Tumore Mariagrazia lo ha sconfitto e ora supporta i malati con un calendario

In queste ore si è appena concluso il congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (Asco), a Chicago.

L’Asco è il più grande congresso al mondo sul cancro e, quest’anno, ha visto la partecipazione di quasi 40mila specialisti: non è facile riassumere le ricerche che hanno portato per ogni tipo di tumore, dai big killer a quelli rari o rarissimi.

Da regina l’ha però fatta la medicina di precisione. «La medicina di precisione sta profondamente trasformando la cura del cancro – ha detto il Presidente dell’Asco, Bruce Johnson -. E un numero sempre maggiore di persone potranno beneficiarne». E ha puntualizzato: «Medicina di precisione significa prendere in considerazioni le caratteristiche genetiche di una persona, la sua biologia, il suo stile di vita, l’ambiente in cui vive. E poi: i tratti distintivi del suo tumore, ancora una volta svelati dalla genetica, per prevenire, diagnosticare precocemente e curare al meglio la malattia».

Sono stati presentati decine di studi all’avanguardia, una speranza per migliaia di persone affette da carcinomi di ogni tipologia e gravità: queste tecniche, nel prossimo futuro, potranno salvare milioni di vite.

E già in questi ultimi anni sono stati fatti passi da gigante, nella cura e nella qualità della vita di quanti, dopo essersi sottoposti alle cure, sono tornati alla propria vita quotidiana.

Mariagrazia, una giovane donna di Gela, ad esempio, oggi ha 43 anni e quando ha scoperto di avere un tumore, nel 2015, aveva da poco avuto un figlio. Un’auto palpazione e la diagnosi immediata: carcinoma mammario.

Oggi, per fortuna, porta il suo sorriso contagioso tra i pazienti oncologici ed è diventata protagonista di un calendario fotografico.

«Giorni quasi tutti uguali, dal sapore dell’angoscia e del panico – ricorda -, ingoiati senza avvertirne il sapore. In ospedale incontrai anche i volontari dell’associazione Farc&C (Fondere Assistenza Ricerca Cancro & Cultura), che offrono supporto a pazienti e famiglie. Ne ero incuriosita ma il cancro divorava ogni mio tentativo di relazione. Volevo stare sola. Non mi sentivo forte né una guerriera. Non ho combattuto eroicamente. Ho pianto tantissimo, chiesto “perché a me”, sbattuto la testa al muro. Poi ho deciso che dovevo dare un senso al dolore e trasformarlo in un inno alla vita».

«All’uscita dal reparto – racconta – trattenevo ancora il respiro, feci le scale di corsa fino a fuori, mi tolsi la bandana incurante degli sguardi curiosi sulla pelata. Finalmente respiravo».

«Ritornai così a ritrovare i volontarie di Farc&C, i miei capelli stavano crescendo e non vomitavo più. Rientrare nel reparto di oncologia, stranamente mi faceva sentire a casa. Attraversavo il corridoio e salutavo tutti pensando: caspita sono viva», racconta ancora.

E qui che le nasce l’idea di aiutare a sua volta chi è in terapia, inizialmente con una chiacchierata e un sorriso, «poi piano piano con vere e proprie scenette da teatro, in cui faccio la buffona, mi travesto, ballo… Il tutto con l’obiettivo di riuscire a far dimenticare il tempo scandito dalla goccia di chemio che cade».

Da quel momento anche un calendario, con tutti gli abitanti di Gela che la supportano. Così, con i proventi ricavati dalla vendita, vengono acquistate delle poltrone per trattamenti chemioterapici sistemate in una stanza dell’ospedale di Gela.

“Lo so può sembrare strano, ma quelli seguiti alla malattia sono stati i miei anni più belli. Da allora – conclude Mariagrazia – posso dire di aver riempito di vita la mia vita”.

Potrebbero interessarti

Influenza, sono già migliaia gli italiani a letto

Il maltempo, da diversi giorni, sta flagellando la nostra penisola, con sbalzi…

Tumore al polmone, il segreto di una possibile cura nelle foglie di tè

Il tumore ai polmoni è uno dei tipi di cancro più diffusi…

Pillola dei 5 giorni dopo: in farmacia non serve la ricetta

In Italia l’aborto è una pratica legale, eppure la maggior parte dei…

SEU come si sviluppa: in Puglia colpita una bambina

La sindrome emolitica uremica, SEU o (HUS) è ​​una condizione che colpisce…