Donald Trump invia l’esercito per fermare la carovana dei migranti

Eleonora Gitto

La tensione è palpabile, e la situazione preoccupa molto anche lo stesso presidente degli Stati Uniti, anche se come di consueto Donald Trump si mostra alla popolazione e al mondo intero fermo e risoluto: la “carovana” dei migranti provenienti dall’Honduras continua inesorabile la sua marcia.

Secondo l’Onu le persone in fuga verso gli Stati Uniti e il Canada alla ricerca di una vita migliore sono circa 7mila, ma potrebbero anche essere di più.

La carovana di migranti si trova ancora a settimane di viaggio dagli Stati Uniti e procede con una velocità di circa 40 chilometri al giorno, ma Trump ha già deciso di inviare 5200 nuovi soldati a presidiare le frontiere.

Non è stato precisato quando verranno inviati sul territorio, ma secondo gli ultimi piani 1800 andranno in Texas, 1700 in Arizona e 1500 in California.

Trump ha ricordato che la maggioranza delle richieste d’asilo, circa l’80% provenienti dall’America centrale, sono respinte ma alle udienze “non si presenta nessuno”.

E ha ribadito che tra i migranti ci sono “molti membri di bande e delinquenti”.

Next Post

Salmonella, uova contaminate richiamate dagli scaffali

Ancora una volta i controlli serrati sui prodotti che arrivano sulle nostre tavole hanno permesso di evitare conseguenze anche gravi: il Ministero della salute ha comunicato il ritiro immediato dagli scaffali dei negozi di una serie di lotti di uova fresche da allevamento in batteria a causa di un rischio […]