Ebal, incredibile scoperta sul monte citato nella Bibbia

Redazione

Sarebbe un vero e proprio shock la scoperta degli archeologi in un sito sul Monte Ebal, risalente al periodo biblico, per molti la dimostrazione della veridicità della storia nell’Antico Testamento.

Il libro di Giosuè, che si trova nella Bibbia, racconta come uno degli assistenti di Mosè costruì un altare di pietre dove gli israeliti portavano offerte di pace. 

Molto più tardi nel libro, quando Giosuè era vecchio e morente, radunò la gente a Sichem e pronunciò un discorso d’addio. Negli anni Ottanta, gli archeologi, con a capo Adam Zertal, condussero un’indagine sulla terra a Manasse, incluso il Monte Ebal, dove il team identificò un’anomalia a 150 metri sotto la vetta.

Bible Discovery TV ha rivelato perché pensavano che questa scoperta fosse rilevante soprattutto ai fini storico religiosi.

Un altare scoperto sul Monte Ebal confermerebbe il libro di Giosuè (Foto@Wikimedia)

Nel documentario viene dichiarato: “Il libro del Deuteronomio afferma che a Giosuè fu impartito l’ordine di tenere una cerimonia sul Monte Ebal, costruire lì un altare e sistemare pietre erette su cui era scritto il patto“.

Il Monte Ebal è stato probabilmente scelto come luogo di rinnovo dell’alleanza per alcuni motivi. Innanzitutto, fiancheggia la città di Sichem, che era un importante centro politico e religioso di Canaan, il controllo di quest’area dimostrava il potere di Dio“.

In secondo luogo, il monte Ebal è la montagna più alta della Samaria settentrionale, dimostrando l’importanza e imponendo una visione di quasi tutto ciò che sarebbe diventato Israele“.

Inoltre, la maggior parte dei reperti archeologici dell’età del ferro israelita proviene da questo territorio di Manasse, dove si trova il monte Ebal.

Ecco poi perché gli studiosi biblici pensano che ci sia un legame con la storia di Giosuè e l’altare.

Ciò fornisce alcune prove per credere che qui è dove la maggior parte di Israele risiedeva nel primo insediamento e nel tempo dei giudici, quindi un centro religioso sul Monte Ebal avrebbe dato accesso alla maggior parte di questi israeliti“.

Dopo queste menzioni in Deuteronomio e Giosuè, il Monte Ebal non viene più menzionato nella Bibbia. Ma, nei tempi moderni, il Monte Ebal è stato al centro di controversie con i risultati del defunto archeologo Adam Zertal“.

L’apparente altare ritrovato è fatto di pietre naturali non tagliate e riempito con strati alternati di Terra, cenere, osso e pietra. Non solo questo è uno stile costruttivo noto di antichi altari, ma le ossa sono anche animali commestibili ritualmente puliti, che indicano l’uso come un centro di culto israelita“.

A differenza degli altari pagani con scale, questo fu salito attraverso una rampa, come comandato in Esodo 20. Mentre l’altare risale a qualche tempo dopo Giosuè, Zertal lo trovò al centro, un vecchio altare circolare scavato nella roccia fresca“.

Potrebbe essere questa la costruzione di Giosuè? La posizione, i tempi e l’archeologia sono tutti allineati.

Sebbene alcuni archeologi concordino con la considerazione che il sito era un complesso altare e alcuni che si trattava di un luogo di culto, altri credono che fosse semplicemente una fattoria con una torre di guardia.

Sostengono che le aree pavimentate sono semplicemente stanze, il muro inclinato semplicemente una parete erosa e il recinto riempito una stanza che è stata successivamente trasformata in una torre.

Next Post

Coronavirus, mamma sana muore dopo il parto

Coronavirus: la mamma, sana di 27 anni, muore dopo il parto diventando una delle vittime più giovani in assoluto. Si stima che la mamma di 27 anni sia tra le vittime più giovani deceduta in Polonia giorni dopo la nascita del suo bambino, secondo i medici pare che la donna […]
Coronavirus mamma sana muore dopo il parto