Esistono realmente i pianeti neri?

Redazione

Il pianeta più nero dell’universo osservabile è stato scoperto dal telescopio spaziale Spitzer della NASA. Una sfera di gas caldo chiamata HD 149026b, ha una temperatura di circa 2040 gradi Celsius, che è circa 3 volte superiore a quella sulla superficie rocciosa di Venere, il pianeta più caldo del sistema solare. 

Fa così caldo che gli astronomi credono che questo corpo celeste assorba quasi tutto il calore dalla sua stella e rifletta pochissima luce. Gli oggetti che non riflettono la luce solare sono neri.

Esistono realmente i pianeti neri
foto@Wikimedia

Pertanto, HD 149026b potrebbe non essere solo il pianeta più nero conosciuto nell’Universo, ma anche il più caldo.

Gli esopianeti sono pianeti in orbita attorno ad altre stelle. Studi recenti hanno dimostrato che esistono pianeti neri.

Un altro cosiddetto “Giove neroTrES-2b, la cui temperatura può raggiungere i 980 gradi Celsius, è stato scoperto nel 2011 utilizzando il telescopio spaziale Kepler della NASA. Ruotando a soli 4 milioni di chilometri dalla sua stella, un gigante gassoso quasi non riflette la luce solare.

I pianeti neri o cosiddetti Giove caldo sono un fenomeno interessante nel vasto universo
Secondo il National Geographic, quando un pianeta passa davanti alla sua stella, il suo lato ombreggiato è rivolto verso Keplero. Ma quando il pianeta inizia a ruotare di lato e “dietro” la sua stella, il suo lato rivolto verso il sole è rivolto verso lo spettatore. La quantità di luce stellare aumenta fino a quando il pianeta, diventando invisibile al telescopio spaziale, passa completamente dietro la sua stella.

I moderni modelli di computer prevedono che i giganti di gas caldi che ruotano molto vicino alle loro stelle possono essere scuri solo come Mercurio, che riflette circa il 10% della luce solare che lo colpisce. Ma TrES-2b è così scuro che riflette solo l’uno percento della luce stellare che raggiunge la sua superficie. Ciò significa che potrebbe essere necessario rivedere i modelli attuali.

Come affermato sul sito ufficiale della NASA, in passato questo fenomeno è stato osservato dal telescopio spaziale sul pianeta Upsilon Andromedae B. Nel caso di entrambi i pianeti, il calore non è distribuito uniformemente sulle superfici.

Questo è l’opposto di ciò che accade su Giove, dove la differenza di temperatura è minima. HD 149026b si trova a 256 anni luce di distanza nella costellazione di Ercole ed è il più piccolo pianeta di transito conosciuto, la cui dimensione è vicina alla dimensione di Saturno, e il nucleo è presumibilmente denso e 70-90 volte la massa della Terra. Il pianeta ruota attorno alla sua stella ogni 2,9 giorni.

Next Post

Progetto Marte: Base permanente e città

Una base permanente su Marte può essere creata entro la fine del decennio e entro la fine del secolo la prima città popolata potrebbe già fiorire. Questa dichiarazione è stata fatta dal presidente della “Martian Society” Robert Zubrin. Zubrin ha apprezzato le idee dell’uomo d’affari Elon Musk sull’inizio dei voli con […]
Progetto Marte Base permanente e citta