Esopianeta, potrebbe ospitare nuvole e pioggia come da noi

Redazione

Una delle proprietà che rendono un pianeta adatto alla vita è l’esistenza del tempo su di esso. Gli esopianeti sono troppo lontani da noi perché questi dettagli possano essere osservati direttamente, ma gli astronomi possono trovare nell’atmosfera del pianeta sostanze che rendono possibile il tempo. 

In un nuovo studio, i ricercatori hanno trovato segni della presenza di idruro di cromo sull’esopianeta WASP-31b, che, a temperature e pressioni appropriate, può passare da uno stato liquido a uno gassoso e viceversa.

Esopianeta potrebbe ospitare la vita come la conosciamo

In questo studio, un team guidato da Marrick Braam ed alcuni colleghi ha trovato, analizzando i dati raccolti con il telescopio spaziale Hubble, indicazioni della presenza di idruro di cromo (CrH) nell’atmosfera dell’esopianeta WASP-31b

Questo pianeta è un Giove caldo con una temperatura di circa 1200 gradi Celsius nella zona crepuscolare, al confine tra il lato diurno e quello notturno del pianeta, un luogo nell’atmosfera attraverso il quale passa la luce della stella madre del pianeta. alla terra. E questo accade all’incirca alla stessa temperatura alla quale l’idruro di cromo passa da uno stato liquido a uno gassoso alla pressione appropriata negli strati esterni dell’atmosfera del pianeta, simile alle condizioni per l’esistenza dell’acqua sulla superficie terrestre.

L’idruro di cromo può svolgere un ruolo nel plasmare il tempo su questo pianeta, comprese le nuvole e la pioggia“, ha detto Braam.

In questo studio, l’idruro di cromo è stato rilevato per la prima volta su Giove caldo, dove le condizioni consentono l’esistenza di questo composto sia in forma liquida che gassosa.

Va aggiunto che siamo stati in grado di trovare segni di idruro di cromo solo con il telescopio spaziale Hubble (Hubble). Non abbiamo trovato tali indicazioni nei dati raccolti con l’osservatorio terrestre VLT. Abbiamo alcune riflessioni su queste discrepanze, ma per ora preferiamo parlare di questo dato solo come possibile e richiede ulteriori conferme.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Astronomy & Astrophysics.

In futuro, Braham e il suo team prevedono anche di osservare i segni di idruro di cromo su altri pianeti con il nuovo James Webb Space Telescope (JWST) attualmente in costruzione, che dovrebbe essere lanciato entro la fine dell’anno.

Next Post

Ex Agente CIA parla del diario segreto di Roswell

Ben Smith ha messo le mani su un diario lasciato dal maggiore Jesse Marcel che contiene quelli che sembrano essere passaggi codificati che nascondono segreti sul famigerato “incontro alieno” avvenuto a Roswell nel 1947. L’incidente di Roswell è il più famoso “incontro” UFO nel mondo della cospirazione ed il mistero dietro di esso […]
Ex Agente CIA parla del diario segreto di Roswell