Esperienza pre morte: Ero andato all’inferno, urlavano e sanguinavano
Ero andato inferno urlavano e sanguinavano

Un uomo che afferma di essere andato all’inferno, ha condiviso i suoi terrificanti ricordi della sua breve esperienza di vita dopo la morte.

L’uomo, che si è presentato come Michael, è convinto che la sua anima abbia lasciato il suo corpo dopo aver subito un attacco di pancreatite nove anni fa. Durante l’incidente, Michael ha dichiarato di essere stato dichiarato clinicamente morto, il che significa che il suo cuore ha smesso di battere. Mentre si allontanava dalla sua coscienza, Michael ha rivelato alla Near-Death Experience Research Foundation (NDERF) che ha creduto di essere stato trasportato all’inferno.

Michael ha detto: “Ho avuto pancreatite che è andata sepsi e ha chiuso i miei reni e fegato, e il mio cuore si è fermato. Sono entrato in un profondo stato di crisi. Il mio corpo si è gonfiato e mio figlio ha detto che i miei occhi sembravano quasi uscire dalla testa“.

Sono andato, credo all’inferno. C’erano creature rosse giganti. Il paesaggio era buio e inquietante. C’erano persone intrappolate in quelli che sembravano carri del circo dove trasportavano leoni. Stavano urlando e sanguinando.

Michael è stato inseguito da queste creature rosse che ha visto quando ha capito di essere entrato per la prima volta all’inferno.

Una creatura color oro ed un cavaliere si sono diretti verso di lui e lo hanno portato via.

Michael prosegue: “Poi ero in una stanza, seduto, a parlare con mio padre che era morto ad agosto dello stesso anno. Mi ha detto di lasciare andare il passato e andare avanti con la mia vita“.

Subito dopo ero in un aeroporto in inverno con la neve che soffiava. C’era un tram con i miei bambini dentro ma era coperto di ghiaccio e non sono riuscito a entrare per parlare con loro“.

L’esperienza pre-morte raccontata da Michael.

Queste visioni poi sono terminate e Michael ricorda di essersi svegliato in un’unità di terapia intensiva.

Michael crede di aver superato la sua malattia quasi fatale con le preghiere dei suoi amici e parenti.

All’indomani dell’incidente, Michael è convinto che Dio esiste sicuramente e anche l’aldilà.

La maggior parte degli esperti medici, tuttavia, ritiene che le visioni di Michael possano essere spiegate con mezzi naturali.

Le esperienze pre-morte (NDE) sono spesso caratterizzate da visioni, suoni ed esperienze fuori dal corpo simili.

Secondo Neil Dagnall e Ken Drinkwater della Manchester Metropolitan University, ci sono molte possibili spiegazioni.

Una teoria popolare suggerisce che le NDE sono allucinazioni causate dal cervello che crea la dimetiltriptamina chimica psicoattiva o la DMT durante un momento di trauma.

Altre teorie suggeriscono che un flusso sanguigno insufficiente e la mancanza di ossigeno nel cervello possono avere un effetto allucinatorio simile.

I ricercatori hanno scritto in un articolo per The Conversation: “Attualmente, non esiste una spiegazione definitiva del perché avvengano esperienze di pre-morte. Ma la ricerca in corso si sforza ancora di comprendere questo enigmatico fenomeno“.

Che siano paranormali o meno, le esperienze di pre-morte sono estremamente importanti“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Barack Obama e Donald Trump: trova le differenze

La conferenza del neo presidente degli Stati Uniti ha qualcosa di diverso…

Chi ama i gatti va poco in chiesa, lo dice uno studio

Gli amanti dei gatti hanno meno probabilità di andare in chiesa, questo…