Esrf, microscopio a raggi x svela tesoro celato in uno scrigno

Eleonora Gitto

Il tesoro custodito in uno scrigno del 600, è stato svelato alla Esrf grazie a un super microscopio a raggi x.

Accade all’ESRF di Grenoble, il laboratorio europeo delle radiazioni al sincrotrone (European Synchrotron Radiation Facility) dove si utilizza un microscopio a raggi x.

Qui una scatola del 600 molto ossidata e, quindi, impossibile da aprire senza rovinare involucro e contenuto, è stata passata ai potenti raggi x del microscopio.

La scatola era stata ritrovata nelle tombe scoperte durante gli scavi effettuati, nel sito archeologico della chiesa di Siant-Laurent oggi museo archeologico di Grenoble.

Dopo tanto tempo, finalmente oggi, grazie a una singolare radiografia, i ricercatori hanno potuto vedere che cosa custodiva il prezioso scrigno.

Il tesoro al suo interno è costituito da preziose medaglie. Il potente strumento ha consentito la visuale nitida anche del più piccolo dettaglio come incisioni e anche due perle.

Il microscopio a raggi x ha appagato la curiosità degli archeologi già convinti che all’interno della scatola fossero state riposte monete o qualcosa di simile.

Senza la tecnologia, molto probabilmente lo scrigno del XVII secolo avrebbe continuato a tenere segreto il suo contenuto.

Va da sé che i risultati ottenuti con il super microscopio aprono nuovi orizzonti nel mondo non solo della ricerca ma anche in quello dell’archeologia.

Next Post

Halloween, dalle zucche tanta energia pulita

Secondo il dipartimento USA dell’Energia, le zucche usate per le decorazioni di Halloween possono essere trasformate in biocarburanti e, quindi, in energia pulita. La zucca è il simbolo per eccellenza di Halloween. Negli Stati Uniti, e non solo, nel giorno della commemorazione dei morti se ne sprecano davvero tante per […]
Halloween, dalle zucche tanta energia pulita