Etichette con lo stabilimento di produzione, a volte tornano
Etichette con lo stabilimento di produzione, a volte tornano

Tornano di nuovo le etichette con l’indicazione dello stabilimento di produzione.

La decisione è stata presa dal Consiglio dei Ministri, e prevede la modifica del regolamento europeo che prevede sì l’obbligo dell’etichetta sui prodotti alimentari, ma non anche l’indicazione dello stabilimento di produzione.

La normativa prevista in Italia prevedeva invece l’obbligo dell’indicazione dell’origine dei prodotti.

Plauso alla decisione del governo da parte del mondo agricolo, e anche in generale da parte delle migliaia di produttori che si sentono insidiati, in termini di qualità e di certezza della provenienza, dai mercati esteri.

Insomma, non vi sarebbe nessuna sicurezza sull’origine dei prodotti e quindi sulla loro qualità.

Perfettamente in linea col governo italiano è anche la grande distribuzione, come ad esempio la Conad, la quale addirittura ha pubblicato una pagina a pagamento sui principali mercati italiani ringraziando pubblicamente per la presa di posizione in particolare i ministri Martina e Lorenzin, i quali hanno condotto la battaglia in prima fila.

Tuttavia le cose non sono così semplici, perché il disegno di legge deve passare al vaglio del Parlamento, anche se probabilmente in tempi brevi.

14Intanto l’Italia dovrà inviare a Bruxelles una notifica per avere una preventiva autorizzazione, la quale non è detto che arrivi, peraltro.

Loading...
Potrebbero interessarti

Assunzioni: gli incentivi che le imprese non possono ignorare

La disoccupazione in Italia è ancora una realtà purtroppo molto presente; si…

Diritto al cibo nella Costituzione

Alla presentazione dell’esposizione universale che inizierà il  prossimo 1 Maggio nella città…