Everest: Le prove del diluvio universale?

Redazione

Si dice che Noè e la sua famiglia siano stati risparmiati dalla punizione divina, insieme a due animali di ogni tipo, grazie ad una grande arca. Genesi 7: 18-19 afferma: “E l’arca andava sulla faccia delle acque. E le acque prevalsero oltremodo sulla Terra – e tutte le alte montagne che erano sotto l’intero cielo furono coperte “.

Molti hanno messo in dubbio la fattibilità della storia, con un critico che ha affermato: “Perché il diluvio biblico si sia verificato, l’acqua sulla Terra ha dovuto moltiplicarsi miracolosamente di circa il 250%“.

Everest Le prove del diluvio universale

Nonostante ciò, la NASA ha confermato la presenza di calcare e “fossili marini oceanici” in cima al monte Everest.

Un sito di analisti che “cerca di mostrare come gli eventi attuali stanno soddisfacendo la descrizione biblicamente profetizzata dello stato di cose prevalente dei nostri giorni“, ha affermato che è una prova che “il territorio, ad un certo punto era coperto di acqua“.

Hanno affermato: “Se dovessi levigare completamente tutto sulla Terra, livellando le montagne e riempiendo valli e fossati, il mare non solo coprirebbe tutto, ma la terraferma sarebbe sommersa a circa 1,5 miglia di profondità. Quindi sì, c’è abbastanza acqua sulla Terra per coprire la massa continentale esistente – per non parlare dei sette metri, la Bibbia dice che il diluvio di Noè prevalse sopra la vetta più alta“.

La domanda, quindi, deve essere posta: cosa ci fanno i pesci antichi in cima al Monte Everest? Questa è la prova del diluvio? Forse. Prova della fisica, certamente.”

Come sottolinea la NASA: “La presenza di fossili marini calcarei e oceanici in cima a queste montagne è una delle prove chiave citate che ha avanzato l’idea della tettonica a placche“.

La deriva dei continenti era l’ipotesi originariamente avanzata su come i continenti della Terra si sono spostati nel tempo geologico l’uno rispetto all’altro.

La speculazione che i continenti avrebbero potuto “andare alla deriva” fu avanzata per la prima volta da Abraham Ortelius nel 1596.

Il concetto fu sviluppato in modo indipendente e più completo da Alfred Wegener nel 1912, ma la sua ipotesi fu rifiutata da molti per mancanza di qualsiasi meccanismo di motivazione.

Questa idea è stata poi riassunta dalla teoria della tettonica a placche, che spiega che i continenti si muovono cavalcando sulle placche della litosfera terrestre.

Alcuni credono che questo dimostri che le aree che ora sono asciutte potrebbero essere state coperte dall’acqua.

Nelle prime fasi di sviluppo della scienza della geologia, i fossili furono interpretati come prove di inondazioni passate.

Con lo sviluppo della geologia moderna, i geologi hanno trovato prove di un’antica Terra e prove non coerenti con l’idea che la Terra si fosse sviluppata in una serie di cataclismi, come il diluvio della genesi

Nel 1830 i geologi scoprirono sempre più che le prove sostenevano una serie di inondazioni locali.

I sostenitori della geologia delle inondazioni si attengono a una lettura letterale di Genesi 6–9 e considerano i suoi passaggi storicamente accurati.

Usano la cronologia interna della Bibbia per collocare il diluvio della Genesi e la storia dell’Arca di Noè negli ultimi 5.000 anni.

La datazione scientifica dei fossili ha confutato questo argomento chiave della narrazione. La geologia delle inondazioni contraddice il consenso scientifico in geologia, stratigrafia, geofisica, fisica, paleontologia, biologia, antropologia e archeologia.

fonte@Express

Next Post

Ma davvero utilizziamo solo una parte del nostro cervello?

Quasi tutti noi abbiamo sempre saputo che in media l’essere umano utilizza solo il 10% delle risorse del cervello. Un fisiologo dell’Università di Copenaghen ha spiegato a Videnskab quanto questa affermazione sia reale o meno. Il cervello non attiva mai tutti i suoi neuroni contemporaneamente. Il cervello, la principale fonte […]
Ma davvero utilizziamo solo una parte del nostro cervello